Passa ai contenuti principali

FOTOGRAFIA DELLA SOCIETA' ITALIANA


 Ultimamente abbiamo guardato non senza un filo di apprensione alle manifestazioni francesi delle ultime settimane, e viene da pensare che per fortuna non avviene in Italia. O purtroppo?

Perché da noi non ci si ribella?

È una domanda che qualcuno si fa o la fa agli altri, solo qualcuno però, la maggioranza non sa nemmeno cosa sta succedendo e, cosa grave, non sa nemmeno di non saperlo e, cosa ancora più grave, non ha nemmeno qualche dubbio e se per caso se lo chiede, trova risposte immediate e superficiali.

Ho provato a fare altro. Ecco la risposta tra il serio e il riso di un film comico e drammatico nello stesso tempo.

Cosa mai potrà fare una società opulenta, rammollita, fatta da individui indeboliti nel fisico e nello spirito. La maggioranza è in sovrappeso e muovono il sedere solo per passare dalla poltrona al sedile dell’auto per evitare di fare qualche centinaia di metri a piedi. Soggetti pieni di farmaci, integratori, allergici e intolleranti senza più energia vitale e capacità riproduttiva, anziani che vivono tra un esame medico e l’altro.

Cosa mai potrà fare un popolo che passa ore davanti alla tv a bersi tutto quello che gli propinano e seguono trasmissioni becere?. Donne che si gonfiano tette e labbra per attirare uomini senza palle che devono far uso di pillole per fare sesso. Gente che mangia cibi industriali, confezionati e devitalizzati perché deboli di stomaco che vanno avanti a caffè, ansiolitici e antidepressivi.

Gente che si spaventa di tutto, e ancor più se lo vede e lo sente in tv, anche della vita stessa e delle sue sfide. Siamo un popolo, noi italiani, che permette di farsi calpestare i diritti fondamentali della persona umana, muoversi liberamente, respirare, lavorare, con la scusa di dire che: “va tutto bene.”

Masse che credono alle statistiche taroccate in modo talmente evidente che non sono più commentabili, che permettono l’annientamento del lavoro autonomo, quello che paga tutto a tutti e si sottomette all’asservimento dei poteri forti. Gente che non ha più amor proprio e nemmeno per i loro figli indottrinati alla nuova schiavitù già da piccoli.

Se lo si raccontasse a chi ha fatto la guerra, come i nostri padri o i nostri nonni, si metterebbero a ridere (per non piangere) altro che rivoluzione viene da dire, qui siamo all’auto estinzione di massa senza bisogno nemmeno di sparare un solo colpo perché facciamo tutto da soli.

Tutto ciò è attribuibile al passaggio dalla società del bisogno che caratterizzava tutto l’Ottocento fino anche a diversi decenni del Novecento, alla società del benessere che tramite l’interesse individuale e la libertà ha fatto perdere il senso di massa. In favore di interessi individuali che hanno portato a tale scoppio sociale. 

Ecco quindi il motivo per cui noi non protestiamo, perché siamo scoppiati.

È dunque arrivato il momento di ripensare un senso da dare alla vita di noi tutti. La società deve avere una direzione.

Senza la quale c’è solo l’apocalisse.

La politica dovrebbe saperlo, ma davvero lo sa? I politici sono lo specchio di tale società priva di bussola.

Commenti

Post popolari in questo blog

OGGI È ATTACCO AL VINO, IERI ALLA PROPRIETÀ. E DOMANI...

  I salutisti dell’Unione europea tornano alla carica con un’altra battaglia: quella contro il vino. A fare da apripista è stata l’Irlanda, che potrà dunque applicare sugli alcolici un’etichetta con scritto “il consumo di alcol provoca malattie del fegato” oppure “alcol e tumori mortali sono direttamente collegati”. O più direttamente "il vino provoca il cancro". Secondo i dati di Alcohol Action Ireland, il consumo di alcol puro pro capite tra chi ha più di 15 anni è stato di 10,07 litri nel 2020, che corrisponde a poco meno di 40 bottiglie di vodka, 113 bottiglie di vino o 436 pinte di birra e supera del 40% il livello di consumo indicato dalle linee guida dell’agenzia governativa Health Service Executive (HSE). Quindi l'Irlanda, attraverso il silenzio assenso della Commissione Europea, con questo provvedimento, crede sul serio di combattere l'abuso di alcol? Perché i dati sopra elencati chiariscono e permettono di affermare che siamo in presenza di un eccesso di uti

CONTRO IL DIRIGISMO TRANSUMANISTA

 L’Unione Europea, a partire dalla crisi economica globale del 2008 ha sempre fatto il possibile per farsi detestare, in Italia e in moltissime altre nazioni del continente. Occorre dire che la gestione di diverse rispettive classi dirigenti nazionali, fra incolmabili debiti pubblici e una crescita economica pari a zero, ha permesso all’Ue di manifestarsi più come una matrigna che mal sopporta i propri figliastri che come una mamma, magari severa quando serve, ma giusta nei confronti di tutti i suoi figli. Non a caso, sono poi cresciuti partiti e movimenti euroscettici in più Paesi europei, la Brexit è divenuta realtà e tutt’oggi alcuni governi nazionali, come quello ungherese e quello polacco, sono spesso in contrasto con le Istituzioni comunitarie. Del resto, Bruxelles, si direbbe, andrebbe ringraziata, con tanto di servile inchino, per i soldi del Pnrr. Intanto, è bene ricordare come il denaro del Recovery Fund non rappresenta affatto un regalo compassionevole, essendo composto, in

LA CONTROPRODUCENTE GIORNATA MONDIALE CONTRO LA VIOLENZA SULLE DONNE

  E' sempre con profonda amarezza che osservo la celebrazione di giornate come questa, accanto a tutto il carico di ipocrisia politicamente corretta che ci viene propagandata mediaticamente, tra chi si tinge il viso di rosso, cariche istituzionali che si prestano a questo giochino, dichiarazioni banali e scontate e via dolcificando l'opinione pubblica. Nel momento in cui una donna accetta di celebrare una giornata mondiale dedicata alla violenza sulle donne, crea la stessa categorizzazione di cui poi sarà vittima perchè è evidente che se si condanna la violenza soltanto verso un genere, si sta implicitamente affermando che l'altro genere non merita tutele, ottenendo come unico risultato di scatenare un focolaio di maschilismo reattivo antifemminista. Ed è attraverso la strumentalizzazione di tragedie che vedono vittima una donna e di cui è colpevole un uomo non in quanto maschio ma in quanto persona prepotente - e la prepotenza non è una caratteristica di genere ma di speci