Passa ai contenuti principali

EHI FU SICCOME IMMOBILE DATO IL MORTAL SOSPIRO

 


Il corto circuito di una "fu sinistra" che si riscopre forza di popolo ( populista) manifestando contro l' agenda Draghi e che ospita il ministro del Lavoro del Governo Draghi. La "fu sinistra" che scende in piazza a difendere gli operai, che votano a Destra, contro un governo che sta per nascere ottenendo la fiducia di un Parlamento democraticamente eletto dal popolo. Quel popolo che la CGIL vuole difendere dal fascismo, dai negazionisti ( loro hanno protestato contro le scelte del ministro Speranza sul green Pass e sulla sospensione dal lavoro per chi non era vaccinato). Una manifestazione in cui Landini è tornato a fare il comunista, a proporre idee novecentesche a scomodare Berlinguer e Lama. Il corto circuito della fu sinistra che guarda al PD di stampo americano, che urla il No alla Nato, che tifa Putin e che è contro i tubi che portano il gas, salvo poi, trovarsi striscioni che inneggiano al colonialismo americano, al gas, alle centrali nucleari e si riscopre Sovrnista, perché il PCI era comunque Sovranista, Presidenzialista e non è mai stato troppo europeista. Ma in quella piazza ieri si sono ritrovati tutti in un corto circuito che aiuterà la destra per i prossimi 10 anni a vincere e governare. 

È proprio il senso della protesta che non sta in piedi. 

Contro chi protestano? Contro un governo che non è ancora insediato. Quindi sono pregiudizievoli.

La pretesa della sinistra italiana è quella di credersi sempre dalla parte giusta. 

Non hanno ancora capito che hanno perso per due motivi, inconsistenti sulle proposte, e fautori di un clima di odio che la massa non sopporta più.

Una sinistra che economicamente e politicamente ha snaturato e tradito sé stessa. Scelte sociali a dir poco discutibili che stagnano la crescita e la produzione di un paese. 

Commenti

Post popolari in questo blog

IL SENSO DEL DIRITTO DI ABORTIRE

Qualche giorno fa delle ragazzine, protestavano per l'aborto e hanno cacciato la Boldrini. Perché non si sentivano da lei rappresentate.  Boldrini a parte, quello che sciocca è che chi protesta, lo fa contro un governo che non esiste ancora, su una cosa che la Meloni non ha mai detto (di voler cambiare la legge 194) e soprattutto...sanno i vari motivi per cui si abortisce? O pensano solo ad abortire per nascondere la gravidanza. Si può esser libere di abortire anche se non si accetta un nascituro che possa sconvolgere la vita. Perché malformato, perché con problemi mentali, perché non riuscirebbe a vivere una volta in vita. Ma si abortisce se lo si vuole in due...qui sembra solo un diritto delle donne, e si mette da parte il volere degli uomini, che hanno contribuito alla copulazione.  Ma quello che è sconvolgente è che si manifesta per la morte, e poi sulle restrizioni delle proprie vite, tutte e tutti ad ubbidire... Pasolini affermava che la rivoluzione del 68 avrebbe fatto più d

EGONU, CERTO...SEI ITALIANA STRUMENTALIZZATA

Mi spiace, ma io non solidarizzo con la NOSTRA campionessa Paola Egonu, che ha deciso di non giocare più in nazionale perché stufa della domanda che, sui social tra l'altro, a suo dire, le viene fatta, e cioè " ma sei italiana?". Come al solito alla minoranza negativa viene attribuito un peso specifico superiore alla maggioranza positiva, che considera, me compreso, la Egonu Italiana, italianissima. La Egonu si presta così alla strumentalizzazione di questi progressisti ipocriti della sx fucsia arcobaleno, ed a sua volta diviene lei stessa simbolo di una controintolleranza verso un popolo che si identifica nelle sue imprese sportive, perché lo sport unisce, lo sport è condivisione e crescita. Alle parole della Egonu, subito si sono accodati certi primattori della politica italiana, quelli che ora paventano il fascismo al potere, come se il 15 ottobre del 2021 o a marzo 2020 non significhino fascismo, nazismo, discriminazione e sopraffazione. Non c'è niente da fare, l&

SUL BIPOLARISMO ITALIANO

 Si è appena conclusa la settimana che ha visto l’elezione dei presidenti delle Camere ed è già tempo di isolare qualche spunto di riflessione In particolare, nelle ultime tre settimane, posso dire di aver avuto tre conferme: 1) la Sinistra non è in grado di essere sinceramente democratica, 2) la Destra ha perso un’ottima occasione per dimostrarsi migliore della Sinistra, 3) il Bipolarismo italiano non funziona. Fin da subito tengo a precisare che è il terzo punto quello che interessa ciononostante, un doveroso accenno spetta anche agli altri due. Per quanto riguarda il primo punto, una volta consolidato il risultato elettorale, la parte sinistra dell’Arco costituzionale, ma anche il mondo dell’informazione e della cultura che a quella fanno riferimento, hanno innalzato il livello dello scontro con continui allarmi per un imminente ritorno del “fascismo”, con tanto di parallelismi tra gli attuali accadimenti e quanto successo esattamente un secolo fa. Le paure della Sinistra per una “D