Passa ai contenuti principali

CANCELLIAMO LA STORIA, CANCELLIAMO NOI STESSI


 


Togliamo le foto di Mussolini dal MEF e da Palazzo Chigi. Rasiamo al suolo gli edifici di architettura fascista . Ma andiamo con ordine 

Tanto per cominciare ci sono almeno 147 città di fondazione da abbattere, secondo l’elenco tracciato a suo tempo dallo scrittore Antonio Pennacchi. Alcuni sono semplici borghi, altre sono città capoluogo, come Latina, ma poco conta: si tratta di luoghi troppo legati a un’epoca che l’Italia deve seppellire. Anche nelle città non fasciste, interi quartieri andranno rasi al suolo e ricostruiti secondo canoni sinceramente democratici: per esempio l’Eur, la Città universitaria e il Foro Italico (già foro Mussolini) a Roma. Saranno poi fatte saltare la stazione Centrale di Milano, inaugurata nel 1931, e la stazione di Santa Maria Novella di Firenze, oltre al palazzo della Farnesina di Roma, sede del ministero degli Affari Esteri. Si riallaghino le paludi Pontine e quelle di Emilia, Sardegna, Bassa Padana, Coltano, Maremma Toscana, Sele.

Andranno abolite, nell’ordine: l’assicurazione invalidità e vecchiaia (1923), l’assicurazione contro la disoccupazione (1926), l’assistenza ospedaliera ai poveri (1923), l’assicurazione obbligatoria contro le malattie professionali (1928), l’Istituto Nazionale della Previdenza Sociale (1935), l’Istituto Nazionale per l’Assicurazione contro gli Infortuni sul Lavoro (1933), il Tfr (1927).


Bisognerà intervenire anche sul Parco nazionale d’Abruzzo (istituito con regio decreto del 1923), sul Parco nazionale del Gran Paradiso (1922), sul Parco nazionale del Circeo (1934), sul Parco nazionale dello Stelvio (1935). Gruppi di volontari antifascisti dovranno inoltre recarsi sul monte Giano e sradicare, uno per uno, i 20.000 pini piantati dalla Scuola Allievi Guardie Forestali di Cittaducale nel 1939 a formare la scritta DVX. Andranno distrutte anche le mappe altimetriche con cui il fascismo mappò tutto il territorio nazionale e che vengono usate ancora oggi, senza essere mai state aggiornate da allora.


Andranno stralciati, bruciati, riscritti il codice penale (1930), il codice di procedura civile (1940), il codice della navigazione (1940), il codice civile (1942) e numerose altre disposizioni vigenti ancora oggi (il Testo Unico delle Leggi di Pubblica Sicurezza, il Codice della Strada, le disposizioni relative a: polizia urbana, rurale, annonaria, edilizia, sanitaria, veterinaria, mortuaria, tributaria, demaniale e metrica). Abolire la magistratura del lavoro. Andrà sciolto il corpo dei vigili del fuoco, istituito nel 1935.


Andrà distrutto ciò che resta di Cinecittà. La Mostra del Cinema di Venezia verrà soppressa: nata nel 1932 per opera del direttore dell’Istituto Luce, De Feo, e dell’ex ministro delle Finanze Giovanni Volpi di Misurata, fu la prima manifestazione del genere al mondo. Andrà abolita la Rai, diretta emanazione dell’Eiar, creato nel 1927. I primi esperimenti sulla televisione risalgono al 1929 per volere del Duce. Nel dicembre del ’38 l’ufficio stampa dell’EIAR comunicò che nei primi mesi del ’39 sarebbero iniziati servizi regolari di televisione. Il 4 giugno 1939 alla Mostra del Leonardo ci furono alcune trasmissione sperimentali, sul Radiocorriere apparvero i programmi e persino le pubblicità di alcuni proto-apparecchi televisivi. Il progetto venne abbandonato a causa dell’entrata in guerra, ma funse in seguito da base per la Rai. Andrà abolito anche l’Istituto Luce, fondato nel 1925.


Si tolgano dai programmi scolastici i nomi e le opere di Pirandello, Marinetti, D’Annunzio, Deledda, Ungaretti, Gentile, Malaparte, Soffici. Si bruci la Treccani e si chiuda il relativo istituto. Si chiuda anche l’Istituto italiano per il Medio ed Estremo Oriente che fu di Tucci e Gentile. Solo allora, forse, l’Italia sarà un Paese moderno, libero dai condizionamenti di questo passato orribile.

Questo è quello che da altre parti si chiama Cancel Culture, da noi significa cancellare la Storia.

(Janus)  





Commenti

Post popolari in questo blog

OGGI È ATTACCO AL VINO, IERI ALLA PROPRIETÀ. E DOMANI...

  I salutisti dell’Unione europea tornano alla carica con un’altra battaglia: quella contro il vino. A fare da apripista è stata l’Irlanda, che potrà dunque applicare sugli alcolici un’etichetta con scritto “il consumo di alcol provoca malattie del fegato” oppure “alcol e tumori mortali sono direttamente collegati”. O più direttamente "il vino provoca il cancro". Secondo i dati di Alcohol Action Ireland, il consumo di alcol puro pro capite tra chi ha più di 15 anni è stato di 10,07 litri nel 2020, che corrisponde a poco meno di 40 bottiglie di vodka, 113 bottiglie di vino o 436 pinte di birra e supera del 40% il livello di consumo indicato dalle linee guida dell’agenzia governativa Health Service Executive (HSE). Quindi l'Irlanda, attraverso il silenzio assenso della Commissione Europea, con questo provvedimento, crede sul serio di combattere l'abuso di alcol? Perché i dati sopra elencati chiariscono e permettono di affermare che siamo in presenza di un eccesso di uti

CONTRO IL DIRIGISMO TRANSUMANISTA

 L’Unione Europea, a partire dalla crisi economica globale del 2008 ha sempre fatto il possibile per farsi detestare, in Italia e in moltissime altre nazioni del continente. Occorre dire che la gestione di diverse rispettive classi dirigenti nazionali, fra incolmabili debiti pubblici e una crescita economica pari a zero, ha permesso all’Ue di manifestarsi più come una matrigna che mal sopporta i propri figliastri che come una mamma, magari severa quando serve, ma giusta nei confronti di tutti i suoi figli. Non a caso, sono poi cresciuti partiti e movimenti euroscettici in più Paesi europei, la Brexit è divenuta realtà e tutt’oggi alcuni governi nazionali, come quello ungherese e quello polacco, sono spesso in contrasto con le Istituzioni comunitarie. Del resto, Bruxelles, si direbbe, andrebbe ringraziata, con tanto di servile inchino, per i soldi del Pnrr. Intanto, è bene ricordare come il denaro del Recovery Fund non rappresenta affatto un regalo compassionevole, essendo composto, in

LA CONTROPRODUCENTE GIORNATA MONDIALE CONTRO LA VIOLENZA SULLE DONNE

  E' sempre con profonda amarezza che osservo la celebrazione di giornate come questa, accanto a tutto il carico di ipocrisia politicamente corretta che ci viene propagandata mediaticamente, tra chi si tinge il viso di rosso, cariche istituzionali che si prestano a questo giochino, dichiarazioni banali e scontate e via dolcificando l'opinione pubblica. Nel momento in cui una donna accetta di celebrare una giornata mondiale dedicata alla violenza sulle donne, crea la stessa categorizzazione di cui poi sarà vittima perchè è evidente che se si condanna la violenza soltanto verso un genere, si sta implicitamente affermando che l'altro genere non merita tutele, ottenendo come unico risultato di scatenare un focolaio di maschilismo reattivo antifemminista. Ed è attraverso la strumentalizzazione di tragedie che vedono vittima una donna e di cui è colpevole un uomo non in quanto maschio ma in quanto persona prepotente - e la prepotenza non è una caratteristica di genere ma di speci