Passa ai contenuti principali

L'OCCIDENTE NON PUÒ PERDERE LA FACCIA


 L’Ucraina non può vincere questa guerra. Non vincerà questa guerra. Il diritto all’auto determinazione dei popoli, lo sdegno nei confronti di chi invade un altro paese non cambiano il fatto che l’Ucraina non ha la forza per poter resistere all’assalto di una potenza tanto grande, tanto vasta, tanto immensa, tanto militarmente superiore quale la Russia. 


L’Ucraina non può vincere senza la discesa in campo delle potenze occidentali. Ma ciò significherebbe la guerra. Una terza guerra mondiale. Una guerra nucleare. E se ciò dovesse accadere, non avrà più importanza chi aveva ragione, non conteranno più gli ideali, le ragion di stato, l’eroismo della lotta contro l’oppressore. Intere città saranno distrutte, milioni saranno le vittime. Il tributo umano sarà talmente alto da annientare qualunque ragione. 


Per quanto privi di senno, i capi di stato non si spingeranno fino a questo punto. Non sarebbe conveniente per nessuno e in fondo tutti lo sanno. Ma non possono neanche perdere la faccia al cospetto della Russia, mostrare al mondo che non siamo noi ad essere i più forti. Così si sta scegliendo la terza opzione: "aiutare" l’Ucraina a resistere e nel frattempo logorare Putin colpendone l’economia, la finanza, le banche. Ma Putin non cederà. Non subito almeno. 


Il popolo russo patirà la fame, ma i potenti non ne saranno toccati. Non così profondamente. L’opinione pubblica si schiererà contro il governo, ma i governi faranno ciò che hanno sempre hanno fatto davanti al malcontento e alle sofferenze del popolo. Lo ignoreranno. Il malumore si diffonderà nell’esercito, si inizia a colpire anche gli oligarchi che vedono diminuiti i loro beni, i loro privilegi. Ma questa strategia impiegherà tempo per dare i suoi frutti. 


Nel frattempo noi continueremo ad inviare armi al popolo ucraino. Ora donne, ragazzi, bambini raccolgono bottiglie di vetro per costruire bombe incendiarie, Kiev è una trincea a cielo aperto e in occidente i giornali esaltano il loro eroismo. Sono loro l’ultima difesa. Resisteranno e combatteranno, migliaia saranno le vittime.


Alla fine dopo questa logorante guerriglia, entrambe le parti saranno più disposte a trovare un accordo. E qualcuno forse esulterà, perché Putin è stato fermato, il grande malvagio è stato sconfitto, ma per fermare un male noi nel frattempo avremmo contribuito a creare un male anche peggiore. Perché non importa quante saranno le vittime, non importa la devastazione e la carneficina che provoca la guerra, l’Occidente non poteva perdere la faccia. 


Commenti

Post popolari in questo blog

IL SENSO DEL DIRITTO DI ABORTIRE

Qualche giorno fa delle ragazzine, protestavano per l'aborto e hanno cacciato la Boldrini. Perché non si sentivano da lei rappresentate.  Boldrini a parte, quello che sciocca è che chi protesta, lo fa contro un governo che non esiste ancora, su una cosa che la Meloni non ha mai detto (di voler cambiare la legge 194) e soprattutto...sanno i vari motivi per cui si abortisce? O pensano solo ad abortire per nascondere la gravidanza. Si può esser libere di abortire anche se non si accetta un nascituro che possa sconvolgere la vita. Perché malformato, perché con problemi mentali, perché non riuscirebbe a vivere una volta in vita. Ma si abortisce se lo si vuole in due...qui sembra solo un diritto delle donne, e si mette da parte il volere degli uomini, che hanno contribuito alla copulazione.  Ma quello che è sconvolgente è che si manifesta per la morte, e poi sulle restrizioni delle proprie vite, tutte e tutti ad ubbidire... Pasolini affermava che la rivoluzione del 68 avrebbe fatto più d

EGONU, CERTO...SEI ITALIANA STRUMENTALIZZATA

Mi spiace, ma io non solidarizzo con la NOSTRA campionessa Paola Egonu, che ha deciso di non giocare più in nazionale perché stufa della domanda che, sui social tra l'altro, a suo dire, le viene fatta, e cioè " ma sei italiana?". Come al solito alla minoranza negativa viene attribuito un peso specifico superiore alla maggioranza positiva, che considera, me compreso, la Egonu Italiana, italianissima. La Egonu si presta così alla strumentalizzazione di questi progressisti ipocriti della sx fucsia arcobaleno, ed a sua volta diviene lei stessa simbolo di una controintolleranza verso un popolo che si identifica nelle sue imprese sportive, perché lo sport unisce, lo sport è condivisione e crescita. Alle parole della Egonu, subito si sono accodati certi primattori della politica italiana, quelli che ora paventano il fascismo al potere, come se il 15 ottobre del 2021 o a marzo 2020 non significhino fascismo, nazismo, discriminazione e sopraffazione. Non c'è niente da fare, l&

SUL BIPOLARISMO ITALIANO

 Si è appena conclusa la settimana che ha visto l’elezione dei presidenti delle Camere ed è già tempo di isolare qualche spunto di riflessione In particolare, nelle ultime tre settimane, posso dire di aver avuto tre conferme: 1) la Sinistra non è in grado di essere sinceramente democratica, 2) la Destra ha perso un’ottima occasione per dimostrarsi migliore della Sinistra, 3) il Bipolarismo italiano non funziona. Fin da subito tengo a precisare che è il terzo punto quello che interessa ciononostante, un doveroso accenno spetta anche agli altri due. Per quanto riguarda il primo punto, una volta consolidato il risultato elettorale, la parte sinistra dell’Arco costituzionale, ma anche il mondo dell’informazione e della cultura che a quella fanno riferimento, hanno innalzato il livello dello scontro con continui allarmi per un imminente ritorno del “fascismo”, con tanto di parallelismi tra gli attuali accadimenti e quanto successo esattamente un secolo fa. Le paure della Sinistra per una “D