Passa ai contenuti principali

L'OCCIDENTE NON PUÒ PERDERE LA FACCIA


 L’Ucraina non può vincere questa guerra. Non vincerà questa guerra. Il diritto all’auto determinazione dei popoli, lo sdegno nei confronti di chi invade un altro paese non cambiano il fatto che l’Ucraina non ha la forza per poter resistere all’assalto di una potenza tanto grande, tanto vasta, tanto immensa, tanto militarmente superiore quale la Russia. 


L’Ucraina non può vincere senza la discesa in campo delle potenze occidentali. Ma ciò significherebbe la guerra. Una terza guerra mondiale. Una guerra nucleare. E se ciò dovesse accadere, non avrà più importanza chi aveva ragione, non conteranno più gli ideali, le ragion di stato, l’eroismo della lotta contro l’oppressore. Intere città saranno distrutte, milioni saranno le vittime. Il tributo umano sarà talmente alto da annientare qualunque ragione. 


Per quanto privi di senno, i capi di stato non si spingeranno fino a questo punto. Non sarebbe conveniente per nessuno e in fondo tutti lo sanno. Ma non possono neanche perdere la faccia al cospetto della Russia, mostrare al mondo che non siamo noi ad essere i più forti. Così si sta scegliendo la terza opzione: "aiutare" l’Ucraina a resistere e nel frattempo logorare Putin colpendone l’economia, la finanza, le banche. Ma Putin non cederà. Non subito almeno. 


Il popolo russo patirà la fame, ma i potenti non ne saranno toccati. Non così profondamente. L’opinione pubblica si schiererà contro il governo, ma i governi faranno ciò che hanno sempre hanno fatto davanti al malcontento e alle sofferenze del popolo. Lo ignoreranno. Il malumore si diffonderà nell’esercito, si inizia a colpire anche gli oligarchi che vedono diminuiti i loro beni, i loro privilegi. Ma questa strategia impiegherà tempo per dare i suoi frutti. 


Nel frattempo noi continueremo ad inviare armi al popolo ucraino. Ora donne, ragazzi, bambini raccolgono bottiglie di vetro per costruire bombe incendiarie, Kiev è una trincea a cielo aperto e in occidente i giornali esaltano il loro eroismo. Sono loro l’ultima difesa. Resisteranno e combatteranno, migliaia saranno le vittime.


Alla fine dopo questa logorante guerriglia, entrambe le parti saranno più disposte a trovare un accordo. E qualcuno forse esulterà, perché Putin è stato fermato, il grande malvagio è stato sconfitto, ma per fermare un male noi nel frattempo avremmo contribuito a creare un male anche peggiore. Perché non importa quante saranno le vittime, non importa la devastazione e la carneficina che provoca la guerra, l’Occidente non poteva perdere la faccia. 


Commenti

Post popolari in questo blog

LA REPUBBLICA DI UNO STATO SCONFITTO

Il 2 giugno 1946, nacque una repubblica di uno Stato, che non aveva convinzione. Quella convinzione è giunta sino ad oggi, manifestandosi nel malaffare, nella giustizia politicizzata. Oggi si fa presto a dire Repubblica. E si fa presto anche a dire democrazia e poi libertà, popolo e Costituzione., Tutti questi termini appaiono scontati alle nuove generazioni. Abitudini quotidiane il cui vero significato è, di fatto, sconosciuto. A essi ci si è fatta l’abitudine. Così come si fa l’abitudine al lavoro della Magistratura di una Repubblica di uno Stato debole come il nostro. Duecentosettantaquattro anni, è la somma di tutte le pene commisurate ai responsabili del disastro ambientale creato a Taranto, con l’Ilva. Imprenditori, dirigenti ed amministratori locali, tutti coinvolti. Così, ci si divide, come sempre, sulla colpevolezza o la presunta innocenza dei condannati. Ma se analizziamo le misure singole, la più alta condanna è di ventidue anni. Tre in meno della pena contrattata da Giov

L'INCAPACITÀ DI SAPER LEGGERE IL MONDO

Nel capitolo 19 de “Il Regno della Quantità e i Segni dei Tempi” – “I limiti della storia e della geografia” René Guénon spiega in che senso gli storici moderni non possono essere considerati affidabili quando parlano dei tempi passati e degli uomini che vi hanno vissuto. Essi, quando consultano le fonti storiche, ma anche quando analizzano reperti archeologici oppure opere d’arte, lo fanno con i filtri dei loro limiti intellettuali. Essi hanno perciò difficoltà a penetrare la mentalità degli uomini antichi, e spesso gli attribuiscono motivazioni del tutto moderne. Non solo, ma l’uomo antico aveva facoltà che l’uomo moderno ha perduto, e cercare di comprenderlo sarebbe come se un cieco cercasse di capire cosa sono i colori. Come se ciò non bastasse, essi non prendono in considerazione l’idea che il mondo stesso cambi con il passare del tempo, e certe cose che oggi sono impossibili un tempo non lo fossero. Tutte le volte che si trovano di fronte ad eventi che non sono in grado di spie

MORTE SU STRADA

A dimostrazione che non sempre muoiono i migliori, giunge notizia che Gino Strada sia giunto alla fine del cammino. A quanti ne piangono la morte, va il mio rispetto, piangono l'uomo capace di fondare Emergency, di creare tanti ospedali da campo, di aver dato asilo agli ultimi, ai disperati, ai malati. Ogni uomo ha la sua Storia, il suo vissuto e quasi mai ciò che si vede è. L'uomo ha un passato da picchiatore, massacratore comunista, tanto per dare il senso giusto alle parole, e il giusto peso alle azioni; l'uomo ha un nome di battaglia come tutti gli eroi "partigiani", perché è di un partigiano che parliamo ,nel senso più letterale del termine: di parte. L'uomo chiamato "chiave inglese" era quello che forte dell'assistenza di altri 9/10 criminali come lui, assaltava il primo Missino o presunto tale, ed a colpi di chiave inglese appunto, lo mandava all'ospedale, a volte in coma, a volte con traumi irreversibili a volte all'obitorio, co