Passa ai contenuti principali

OGGI È ATTACCO AL VINO, IERI ALLA PROPRIETÀ. E DOMANI...

 





I salutisti dell’Unione europea tornano alla carica con un’altra battaglia: quella contro il vino. A fare da apripista è stata l’Irlanda, che potrà dunque applicare sugli alcolici un’etichetta con scritto “il consumo di alcol provoca malattie del fegato” oppure “alcol e tumori mortali sono direttamente collegati”. O più direttamente "il vino provoca il cancro".


Secondo i dati di Alcohol Action Ireland, il consumo di alcol puro pro capite tra chi ha più di 15 anni è stato di 10,07 litri nel 2020, che corrisponde a poco meno di 40 bottiglie di vodka, 113 bottiglie di vino o 436 pinte di birra e supera del 40% il livello di consumo indicato dalle linee guida dell’agenzia governativa Health Service Executive (HSE).

Quindi l'Irlanda, attraverso il silenzio assenso della Commissione Europea, con questo provvedimento, crede sul serio di combattere l'abuso di alcol? Perché i dati sopra elencati chiariscono e permettono di affermare che siamo in presenza di un eccesso di utilizzo delle bevande in generale.

Allora, oltre a prevedere una possibile proliferazione di tali etichette in altri stati membri della UE, è giusto riflettere su una eventuale omologazione europea in materia di alcol. Ma noi Europei possiamo davvero essere ritenuti uguali? Non siamo il risultato di un processo storico che ha da sempre evidenziato la differenza culturale dei vari popoli e delle varie etnie? Ma davvero a Bruxelles pensano che uno scandinavo sia uguale ad un latino? E davvero si può pensare di risolvere un problema sociale con una serie di etichette?

Evidentemente pensano di si. Non sarebbe più opportuno alzare i prezzi di mercato degli alcolici o addirittura vietarne la vendita ai minori? Non crediamo siano diminuiti i fumatori, con le scritte sociali sui pacchetti. 

Il vino è una bevanda conviviale. È la bevanda che scorreva sui tavoli dagli otri dei latini e prima ancora nei simposi dei greci. Ricordiamo che sia nella mitologia Greca che in quella Romana esistono Dei protettori delle Viti e del Vino (Dionisio nel caso dei Greci, Bacco per i Romani) e le proprietà inebrianti di questa bevanda hanno portato ad un culto che prevedeva celebrazioni (Baccanali) che a volte degeneravano in vere e proprie orge.

E’ del ‘500 la lettera che Sante Lancerio, storico e geografo e bottigliere di papa Paolo III scrive al cardinale Guido Ascanio Sforza e che può essere definita il primo testo della letteratura enologica italiana. Vengono identificati 53 vini di pregio che vengono anche descritti dal punto di vista organolettico e degli abbinamenti col cibo, usando un approccio ed un gergo sorprendentemente attuali. Vengono citati nella lettera, tra gli altri, il “Rosso di Terracina”, il “Greco d’Ischia”, la “Vernaccia di San Gemignano” il “Nobile di Montepulciano”. Senza dimenticare tantissimi altri vini, non solo italiani ovviamente.

Ma di fatto oggi vogliono omologarci. La modalità delle etichette lascia pensare ad una catalogazione bovina.

La realtà è che questa omologazione imposta dai vertici europei suona un po' come imposizione affrettata per un processo di unificazione degli stati europei che ha inizio appena settant'anni fa. Guarda caso dal Manifesto di Ventotene, scritto, manco a dirlo da noi italiani. Proprio noi che siamo oggi tra i più sofferenti, poiché sempre sotto la lente d'ingrandimento, specie per questioni economiche.

La fretta si sa fa i figli ciechi. Quei figli che oltre a non vedere, non riflettono sulle dinamiche dei processi di unificazione.

La nostra elite europea, probabilmente prende a modello ispiratore, l'evoluzione statunitense, che comunque ha impiegato circa tre secoli, passando per una guerra di secessione e la morte di un Presidente del calibro di Abramo Lincoln, per giungere ad essere gli USA.

O forse più semplicemente i nostri vertici europei sono dominati aprioristicamente dalla elite americana attuale. Quella parte democratica, che un tempo mirava a preservare la schiavitù nel proprio territorio, continua ad avanzare dunque tali pretese sulla UE, o meglio ancora pretende di dominare il mondo con l'idea di esportare democrazia in ogni dove.

E questo è il prezzo di tale modello? Imporre oggi di bandire il vino, di cui paesi come il nostro sono tra i primi produttori e quindi esportatori al mondo. Ieri invece l'impedimento di vendita o di affitto degli immobili, se non rispettano criteri energetici. Aggredire la proprietà, principio del liberalismo, non a caso ideologicamente nato in Gran Bretagna. È questo il disegno. E non a caso la Gran Bretagna ha deciso di uscire dalla zona Euro. Per meglio preservare la propria area economica e la sua proprietà.

E Domani? Ci dobbiamo aspettare la proposta teutonica di marchiatura a fuoco?

Ahimè, quello è già accaduto.


https://zonafrancanews.info/2023/02/01/oggi-e-attacco-al-vino-ieri-alla-proprieta-e-domani/









Commenti

Post popolari in questo blog

CULTURA ED ATTUALITA' 2a PARTE

PRIMA PARTE pubblicata qui il 03/11/2019 I mali della cultura. L’interesse e le lobby? Come ho scritto più o meno all’inizio di questo scritto, il maggior nemico della cultura è l’interesse. Come penso, di aver dimostrato fin qui, la controcultura, sottoforma di protesta, si è manifestata nel novecento, contro le più svariate forme di potere. Ma il potere è caratterizzato da una serie innumerevole di poteri, da cui dipendono le influenze in società delle lobby. Potere e Lobby Gay Il potere per salvaguardare lo status quo e conservarsi ha l’obbligo di mistificare la realtà, creare disordine, sradicare l’uomo dalla società, manipolare l’informazione, ma soprattutto limitare il pensiero dell’opinione pubblica attraverso un linguaggio fondato sul dualismo politico, morale ed estetico. Amico/nemico, destra/sinistra, bene/male, bello/brutto, buono/cattivo. Come se tutto potesse essere etichettato e messo in un catalogo, il quale in fin dei conti altro non è che il “pensiero unico”, la “

CONTRO IL DIRIGISMO TRANSUMANISTA

 L’Unione Europea, a partire dalla crisi economica globale del 2008 ha sempre fatto il possibile per farsi detestare, in Italia e in moltissime altre nazioni del continente. Occorre dire che la gestione di diverse rispettive classi dirigenti nazionali, fra incolmabili debiti pubblici e una crescita economica pari a zero, ha permesso all’Ue di manifestarsi più come una matrigna che mal sopporta i propri figliastri che come una mamma, magari severa quando serve, ma giusta nei confronti di tutti i suoi figli. Non a caso, sono poi cresciuti partiti e movimenti euroscettici in più Paesi europei, la Brexit è divenuta realtà e tutt’oggi alcuni governi nazionali, come quello ungherese e quello polacco, sono spesso in contrasto con le Istituzioni comunitarie. Del resto, Bruxelles, si direbbe, andrebbe ringraziata, con tanto di servile inchino, per i soldi del Pnrr. Intanto, è bene ricordare come il denaro del Recovery Fund non rappresenta affatto un regalo compassionevole, essendo composto, in

LA CONTROPRODUCENTE GIORNATA MONDIALE CONTRO LA VIOLENZA SULLE DONNE

  E' sempre con profonda amarezza che osservo la celebrazione di giornate come questa, accanto a tutto il carico di ipocrisia politicamente corretta che ci viene propagandata mediaticamente, tra chi si tinge il viso di rosso, cariche istituzionali che si prestano a questo giochino, dichiarazioni banali e scontate e via dolcificando l'opinione pubblica. Nel momento in cui una donna accetta di celebrare una giornata mondiale dedicata alla violenza sulle donne, crea la stessa categorizzazione di cui poi sarà vittima perchè è evidente che se si condanna la violenza soltanto verso un genere, si sta implicitamente affermando che l'altro genere non merita tutele, ottenendo come unico risultato di scatenare un focolaio di maschilismo reattivo antifemminista. Ed è attraverso la strumentalizzazione di tragedie che vedono vittima una donna e di cui è colpevole un uomo non in quanto maschio ma in quanto persona prepotente - e la prepotenza non è una caratteristica di genere ma di speci