Passa ai contenuti principali

INVESTIRE IN RICORDI. PER SALVARE IL PAESE

Ricordo, non tanto lontanamente, un’Italia di ballerine e ragionieri in continuo pullulamento, un’ Italia dai parti gemellari record, un’Italia, con la schedina fra le dita, un’Italia che si divideva sportivamente tra nerazzurri e bianconeri. Oggi ci si divide su bianchi e neri. Oggi le coppie non vogliono avere figli, i ragazzi se ne vanno all’estero, i pensionati prendono la cittadinanza in paesi dove il costo della vita e delle tasse è più basso; quelli che restano rigettano i simboli viventi dell’italianità, chiedono di abbattere le frontiere e di lasciar entrare chiunque decida di vivere da noi e si elevano a censori che condannano tutti coloro che vogliono tutelare la nostra identità. Inconsapevolmente, tutti partecipano al suicidio del nostro paese. Molte ragioni sono da attribuire al sistema lavoro. La denatalità è favorita dalla precarietà. Oppure vanno via dall’Italia perché non si trova lavoro, non vedono riconosciuti meriti e capacità. Mentre invece si viene tartassati di tasse e si perdono speranze riposte nel paese. A senso inverso, si perde sempre più il made in Italy, marchi distintivi che vanno all’estero, aziende che chiudono, l’Italia che perde l’auto, il burro e l’acciaio. L’Acciaio, il capolavoro di bruttura politica di una classe mediocre. Con questa classe si perde il futuro. Non riusciamo più a vedere il senso storico di quel che stiamo vivendo e facendo, ci occupiamo solo della situazione del momento, non proiettiamo le scelte immediate nel futuro, sta avvenendo un processo storico letale. La totale passività di un popolo. Ci perseguitano con norme di legge come se la preoccupazione per la vita del tuo paese e del tuo popolo, fosse una forma di odio, di razzismo e di disprezzo nei confronti degli altri, per distogliere ai nostri occhi l’aumento delle tasse. Esempio su tutti, piuttosto che incentivare lo smaltimento della plastica, ci tassano per non consumarla. Di questo passo il risparmio degli italiani è sempre più a rischio. Tuttavia esiste un impiego ottimale del risparmio, non tassabile e duraturo, che rende molto, anche se non in moneta: i ricordi. Ho cominciato scrivendo dei ricordi. Loro costituiscono l’unica vera forma di ricchezza, che non ci può essere rubata o confiscata, né tassata o espropriata, che resta con noi per il resto della nostra vita. Un bel ricordo fa miracoli nei momenti di malinconia, di tristezza o di depressione, ci conferma che la vita è meravigliosa anche se sfortunatamente breve. In una giornata di pioggia, mentre l’umore è nero e la noia sembra sopraffarci, aggrappatevi a un bel ricordo di un momento di gioia, al sorriso di quella ragazza che non avete mai conosciuto, a quell’arcobaleno che vi ha rallegrato, e riprenderete subito e gratis il vostro normale buon umore, la fiducia nella bellezza della vita e la certezza del mistero imperscrutabile che la circonda. In breve, guarirete dal pessimismo e vi sentirete giovani, sani e allegri. Investire in ricordi è l’unica scelta sensata, per rimanere eterni ottimisti nella vita.

Commenti

Post popolari in questo blog

LA REPUBBLICA DI UNO STATO SCONFITTO

Il 2 giugno 1946, nacque una repubblica di uno Stato, che non aveva convinzione. Quella convinzione è giunta sino ad oggi, manifestandosi nel malaffare, nella giustizia politicizzata. Oggi si fa presto a dire Repubblica. E si fa presto anche a dire democrazia e poi libertà, popolo e Costituzione., Tutti questi termini appaiono scontati alle nuove generazioni. Abitudini quotidiane il cui vero significato è, di fatto, sconosciuto. A essi ci si è fatta l’abitudine. Così come si fa l’abitudine al lavoro della Magistratura di una Repubblica di uno Stato debole come il nostro. Duecentosettantaquattro anni, è la somma di tutte le pene commisurate ai responsabili del disastro ambientale creato a Taranto, con l’Ilva. Imprenditori, dirigenti ed amministratori locali, tutti coinvolti. Così, ci si divide, come sempre, sulla colpevolezza o la presunta innocenza dei condannati. Ma se analizziamo le misure singole, la più alta condanna è di ventidue anni. Tre in meno della pena contrattata da Giov

L'INCAPACITÀ DI SAPER LEGGERE IL MONDO

Nel capitolo 19 de “Il Regno della Quantità e i Segni dei Tempi” – “I limiti della storia e della geografia” René Guénon spiega in che senso gli storici moderni non possono essere considerati affidabili quando parlano dei tempi passati e degli uomini che vi hanno vissuto. Essi, quando consultano le fonti storiche, ma anche quando analizzano reperti archeologici oppure opere d’arte, lo fanno con i filtri dei loro limiti intellettuali. Essi hanno perciò difficoltà a penetrare la mentalità degli uomini antichi, e spesso gli attribuiscono motivazioni del tutto moderne. Non solo, ma l’uomo antico aveva facoltà che l’uomo moderno ha perduto, e cercare di comprenderlo sarebbe come se un cieco cercasse di capire cosa sono i colori. Come se ciò non bastasse, essi non prendono in considerazione l’idea che il mondo stesso cambi con il passare del tempo, e certe cose che oggi sono impossibili un tempo non lo fossero. Tutte le volte che si trovano di fronte ad eventi che non sono in grado di spie

MORTE SU STRADA

A dimostrazione che non sempre muoiono i migliori, giunge notizia che Gino Strada sia giunto alla fine del cammino. A quanti ne piangono la morte, va il mio rispetto, piangono l'uomo capace di fondare Emergency, di creare tanti ospedali da campo, di aver dato asilo agli ultimi, ai disperati, ai malati. Ogni uomo ha la sua Storia, il suo vissuto e quasi mai ciò che si vede è. L'uomo ha un passato da picchiatore, massacratore comunista, tanto per dare il senso giusto alle parole, e il giusto peso alle azioni; l'uomo ha un nome di battaglia come tutti gli eroi "partigiani", perché è di un partigiano che parliamo ,nel senso più letterale del termine: di parte. L'uomo chiamato "chiave inglese" era quello che forte dell'assistenza di altri 9/10 criminali come lui, assaltava il primo Missino o presunto tale, ed a colpi di chiave inglese appunto, lo mandava all'ospedale, a volte in coma, a volte con traumi irreversibili a volte all'obitorio, co