Passa ai contenuti principali

INVESTIRE IN RICORDI. PER SALVARE IL PAESE

Ricordo, non tanto lontanamente, un’Italia di ballerine e ragionieri in continuo pullulamento, un’ Italia dai parti gemellari record, un’Italia, con la schedina fra le dita, un’Italia che si divideva sportivamente tra nerazzurri e bianconeri. Oggi ci si divide su bianchi e neri. Oggi le coppie non vogliono avere figli, i ragazzi se ne vanno all’estero, i pensionati prendono la cittadinanza in paesi dove il costo della vita e delle tasse è più basso; quelli che restano rigettano i simboli viventi dell’italianità, chiedono di abbattere le frontiere e di lasciar entrare chiunque decida di vivere da noi e si elevano a censori che condannano tutti coloro che vogliono tutelare la nostra identità. Inconsapevolmente, tutti partecipano al suicidio del nostro paese. Molte ragioni sono da attribuire al sistema lavoro. La denatalità è favorita dalla precarietà. Oppure vanno via dall’Italia perché non si trova lavoro, non vedono riconosciuti meriti e capacità. Mentre invece si viene tartassati di tasse e si perdono speranze riposte nel paese. A senso inverso, si perde sempre più il made in Italy, marchi distintivi che vanno all’estero, aziende che chiudono, l’Italia che perde l’auto, il burro e l’acciaio. L’Acciaio, il capolavoro di bruttura politica di una classe mediocre. Con questa classe si perde il futuro. Non riusciamo più a vedere il senso storico di quel che stiamo vivendo e facendo, ci occupiamo solo della situazione del momento, non proiettiamo le scelte immediate nel futuro, sta avvenendo un processo storico letale. La totale passività di un popolo. Ci perseguitano con norme di legge come se la preoccupazione per la vita del tuo paese e del tuo popolo, fosse una forma di odio, di razzismo e di disprezzo nei confronti degli altri, per distogliere ai nostri occhi l’aumento delle tasse. Esempio su tutti, piuttosto che incentivare lo smaltimento della plastica, ci tassano per non consumarla. Di questo passo il risparmio degli italiani è sempre più a rischio. Tuttavia esiste un impiego ottimale del risparmio, non tassabile e duraturo, che rende molto, anche se non in moneta: i ricordi. Ho cominciato scrivendo dei ricordi. Loro costituiscono l’unica vera forma di ricchezza, che non ci può essere rubata o confiscata, né tassata o espropriata, che resta con noi per il resto della nostra vita. Un bel ricordo fa miracoli nei momenti di malinconia, di tristezza o di depressione, ci conferma che la vita è meravigliosa anche se sfortunatamente breve. In una giornata di pioggia, mentre l’umore è nero e la noia sembra sopraffarci, aggrappatevi a un bel ricordo di un momento di gioia, al sorriso di quella ragazza che non avete mai conosciuto, a quell’arcobaleno che vi ha rallegrato, e riprenderete subito e gratis il vostro normale buon umore, la fiducia nella bellezza della vita e la certezza del mistero imperscrutabile che la circonda. In breve, guarirete dal pessimismo e vi sentirete giovani, sani e allegri. Investire in ricordi è l’unica scelta sensata, per rimanere eterni ottimisti nella vita.

Commenti

Post popolari in questo blog

E' ARRIVATO IL NUOVO MESSIAH

  “La luce ha vinto e tutti i progressi del male del Mondo mai potranno cambiare il corso delle cose. Il solstizio d’inverno, il sole di natale, la luce invitta, aprono una speranza per gli uomini affranti da paura, timori e futuro incerto”. Sono parole di riflessione di Joseph Ratzinger espresse agli inizi degli anni sessanta, all’epoca poco più che trentenne. Per molti sono parole profetiche, in realtà si possono ritenere “da copione” per il finale di un film sulla pandemia attuale. Ammesso che si possa intravedere un finale alla situazione. Arriva il nuovo Messia, nei giorni in cui ricorre la nascita dell’ultimo messia mostratosi sulla terra, ma questa volta appare a noi, non più come uomo, ma in forma liquida. Esattamente come la società attuale, intesa da Zygmunt Bauman. Il progetto è lo stesso, duemila anni fa si diffondeva la parola di Cristo. Oggi si diffonde il vaccino della Pfizer, santificato dai media come soluzione salvifica, potrebbe però rivelarsi soluzione fisiologi

E' UNA PRESA PER IL CULO

Una ecatombe è in atto. Questo decreto, sulla dichiarazione di stato di emergenza per epidemia, che ora fa il giro del web, porta la data del 31 gennaio 2020. Non può essere una fake. E non può essere pure che la Cina non abbia potuto avvisare il nostro Governo. Un primo pensiero in testa, è che la Cina abbia potuto avvertire della pericolosità di questo virus, oppure, dato che casi di polmoniti anomale sono scoppiate sin dal 2018, nelle zone ormai tristemente note, si può pensare, che il male venga da molto lontano. Tutto lascia pensare che l'origine dei problemi sia da imputare ai vaccini, importati dalla Cina, il Nord ha fatto richiesta massiccia, e oggi i risultati sono questi. Il Governo ha commesso un gravissimo errore, di non farlo sapere, poiché ovviamente la campagna Si Vax era in atto in modo consistente, e quindi oggi siamo nelle mani dell'Aifa. Perché? Perché almeno in Italia è l'organo che autorizza la casa farmaceutica che produrrà il vaccino che le gonfierà

QUEL CHE E' STATO DELLA RAGION DI STATO

Come 42 anni fa, lo Stato ha sbagliato ancora. Quest’ultima parola sottolinea come lo sbaglio sia una costante in questo spazio temporale intercorso dall’assassinio di Aldo Moro alla Liberazione di Silvia Romano. Dal 9 maggio al 10 maggio passa un giorno lungo più di quattro decenni, in cui è racchiusa la fragilità di un paese ridotto alla canna del gas, in confusione oggi come allora, in cui si sono alternati almeno due ventenni contrassegnati da diverse forme di socialismo. Di fatto quella svolta che avrebbe voluto dare il presidente Moro all’Italia, lui in qualche modo l’ha data, non l’ha vista in tutte le sue sfaccettature. Probabilmente non avrebbe mai voluto andasse così. Allora dovevano vincere le istituzioni ed hanno vinto le brigate rosse. Lo dimostra il fatto che oggi, i carcerieri del presidente sono tutti liberi. Lo Stato avrebbe dovuto condurre una trattativa, doveva fare politica, perché di quello si trattava. Allora è prevalsa la Ragion di Stato, con la buona morte d