Passa ai contenuti principali

STORIA DELLA CONTROCULTURA. NON SOLO '68

Come ho citato in altri pezzi, il 68 è stata l’ultima rivoluzione dell’Occidente. La società estetica fondata sul principio del piacere sulla realtà, è stato il sogno che ha percorso il 68, ma già nel 1941, Ugo Spirito, allievo di Gentile, inneggia al saper vivere ed al saper godersi la vita. Concentrandosi su se stesso, l’uomo si accinge a costruirsi la vita che più gli piace, sentendosi in piena libertà. Il primo esempio di occupazione sessantottarda avviene a Fiume mezzo secolo prima del 68. Nel movimento dannunziano si ritrova la ribellione all’autorità. Il potere all’immaginazione, l’attacco ai partiti, il giovanilismo e il radicalismo, la politica intesa come festa, la promiscuità sessuale, il libero amore, il primato dell’estetica. A Fiume nasce l’Unione degli Spiriti Liberi tendenti alla perfezione, che progetta il Castello dell’Amore dentro cui inscenare feste medievali. A Fiume si concentra la cultura; sbarca Marconi, Toscanini fa concerti, Marinetti effettua discorsi innumerevoli. Gramsci difende Fiume da chi lo ritiene luogo di perdizione e addirittura Lenin reputa D’Annunzio il più adatto a poter fare la rivoluzione in Italia. A Fiume si svolgono “convegni” notturni, sulle spiagge con feste dionisiache dove il vino è il carburante delle idee. Si fonda la Compagnia del Pelo, nipoti degli scapigliati e nonni dei capelloni. “Mettete dei fiori nei vostri cannoni” nasce con D’Annunzio che infila un fiore nel moschetto parlando di Amore. Fiume fa da promo al 68, nel suo piccolo, un esempio di controcultura, finito in 100 giorni, passato da convegni orgiastici a botte di vino, a vera rivolta a suon di cannonate. La realtà disperse la fantasia al potere. Tutto ciò mi induce ad una riflessione: oggi un politico di riferimento, che organizza serate in casa, tra chiacchiere, chitarre, champagne e qualche bottarella, è amante della cultura dell’estetica o è giudicato da un paese intero, oltreché da i giudici perché immorale? Estratto da Sine Contracultura

Commenti

  1. La critica alla società del benessere é un buon regolatore contro gli estemmi, ma é anche nel linguaggio del sol dell’avvenir o del paradiso dopo la morte. In altri termini la domanda un po’ manichea è: pensiamo a stare il meglio possibile in questa valle di fatica e di lacrime, o ci ammazziamo (letteralmente)per creare un modo dove le future generazioni si godranno il sangue e il sudore che ci abbiamo messo? Anticipo una possibile risposta: non sarebbe meglio agire equilibratamente per fare del bene a sè stessi e anche agli altri nel presente e per il futuro?

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Bisogna fare bene a se stessi per fare bene agli altri. Rivoluzionare se stessi per rivoluzionare il mondo con le idee

      Elimina

Posta un commento

Post popolari in questo blog

CONTRO IL DIRIGISMO TRANSUMANISTA

 L’Unione Europea, a partire dalla crisi economica globale del 2008 ha sempre fatto il possibile per farsi detestare, in Italia e in moltissime altre nazioni del continente. Occorre dire che la gestione di diverse rispettive classi dirigenti nazionali, fra incolmabili debiti pubblici e una crescita economica pari a zero, ha permesso all’Ue di manifestarsi più come una matrigna che mal sopporta i propri figliastri che come una mamma, magari severa quando serve, ma giusta nei confronti di tutti i suoi figli. Non a caso, sono poi cresciuti partiti e movimenti euroscettici in più Paesi europei, la Brexit è divenuta realtà e tutt’oggi alcuni governi nazionali, come quello ungherese e quello polacco, sono spesso in contrasto con le Istituzioni comunitarie. Del resto, Bruxelles, si direbbe, andrebbe ringraziata, con tanto di servile inchino, per i soldi del Pnrr. Intanto, è bene ricordare come il denaro del Recovery Fund non rappresenta affatto un regalo compassionevole, essendo composto, in

OGGI È ATTACCO AL VINO, IERI ALLA PROPRIETÀ. E DOMANI...

  I salutisti dell’Unione europea tornano alla carica con un’altra battaglia: quella contro il vino. A fare da apripista è stata l’Irlanda, che potrà dunque applicare sugli alcolici un’etichetta con scritto “il consumo di alcol provoca malattie del fegato” oppure “alcol e tumori mortali sono direttamente collegati”. O più direttamente "il vino provoca il cancro". Secondo i dati di Alcohol Action Ireland, il consumo di alcol puro pro capite tra chi ha più di 15 anni è stato di 10,07 litri nel 2020, che corrisponde a poco meno di 40 bottiglie di vodka, 113 bottiglie di vino o 436 pinte di birra e supera del 40% il livello di consumo indicato dalle linee guida dell’agenzia governativa Health Service Executive (HSE). Quindi l'Irlanda, attraverso il silenzio assenso della Commissione Europea, con questo provvedimento, crede sul serio di combattere l'abuso di alcol? Perché i dati sopra elencati chiariscono e permettono di affermare che siamo in presenza di un eccesso di uti

LA CONTROPRODUCENTE GIORNATA MONDIALE CONTRO LA VIOLENZA SULLE DONNE

  E' sempre con profonda amarezza che osservo la celebrazione di giornate come questa, accanto a tutto il carico di ipocrisia politicamente corretta che ci viene propagandata mediaticamente, tra chi si tinge il viso di rosso, cariche istituzionali che si prestano a questo giochino, dichiarazioni banali e scontate e via dolcificando l'opinione pubblica. Nel momento in cui una donna accetta di celebrare una giornata mondiale dedicata alla violenza sulle donne, crea la stessa categorizzazione di cui poi sarà vittima perchè è evidente che se si condanna la violenza soltanto verso un genere, si sta implicitamente affermando che l'altro genere non merita tutele, ottenendo come unico risultato di scatenare un focolaio di maschilismo reattivo antifemminista. Ed è attraverso la strumentalizzazione di tragedie che vedono vittima una donna e di cui è colpevole un uomo non in quanto maschio ma in quanto persona prepotente - e la prepotenza non è una caratteristica di genere ma di speci