Passa ai contenuti principali

OLTRE OCCIDENTE. ISLAM COME CONTROCULTURA

Fino agli anni ’70, l’Islam in Africa sub-sahariana non ha quasi mai costituito un tema di interesse scientifico né per gli africanisti né per gli islamisti. I primi, infatti, hanno preferito per lungo tempo occuparsi di quelle ideologie, come il marxismo, il panafricanismo, l’anticolonialismo, che erano state fatte proprie dalle élite africane nella fase di lotta per l’indipendenza e nel processo di decolonizzazione e formazione degli stati nazionali. l’Islam, a questo stadio, sembrava configurarsi come un retaggio arcaico e anacronistico, un tema marginale che poteva essere tranquillamente trascurato. Gli islamisti, dal canto loro, hanno sempre preferito volgere lo sguardo alle aree centrali e nevralgiche dell’Islam (il Medio Oriente), vedendo nell’Islam “nero” un Islam marginale, rozzo,sincretico e quindi corrotto, impuro, “deformato”. A partire dagli anni ’70 il “mondo misconosciuto” dell’Islam africano ha cominciato, però, ad emergere grazie ad una serie di studiosi che hanno indirizzato la propria produzione scientifica verso questo tema. La rivoluzione islamica del 1979 in Iran, che ebbe una fortissima eco in tutti i paesi musulmani, compresi quelli dell’Africa sub-sahariana, mise infatti in evidenza che il linguaggio politico dell’Islam mostrava segni di grande vitalità, di un dinamismo flessibile e imprevedibile. Gli studiosi di africanistica e di islamistica hanno dovuto dunque prendere atto di tale situazione e hanno iniziato ad occuparsi dell’Islam africano in un’ottica diversa: decostruendo la categoria coloniale di “Islam nero”, essi hanno riconosciuto non solo che l’Islam è parte integrante della storia dell’Africa, ma anche che l’Islam africano partecipa a pieno titolo alla Umma musulmana. Esso pertanto, anche se presenta peculiarità proprie, riflette le dinamiche globali dell’Islam e ne condivide il linguaggio politico in tutta la sua duttilità e plasticità. L’Islam sub-sahariano infatti, come scrive Adriana Piga, “appare contemporaneamente e dialetticamente religione di Stato, strumento del potere e insieme religione popolare, rifugio e simbolo dell’inquietudine e della protesta appena camuffata delle classi marginali”. Il linguaggio politico islamico a Sud (ma anche a Nord) del Sahara è dunque eterogeneo e multiforme: può essere autoritario o rivoluzionario, egemonico o subalterno, legalitario o di contestazione. In questa sede si è deciso, seguendo il pensiero del politologo francese Christian Coulon, di porre l’accento sulla capacità dell’Islam di funzionare, per certi gruppi e in determinati contesti, come una forma di controcultura, uno strumento di resistenza e anche come un discorso rivoluzionario. È chiaro che l’Islam africano non è solo questo, ma sicuramente riflettere su questa tipologia di discorso politico diffuso in Africa sub-sahariana significa mettere in luce uno degli aspetti essenziali della straordinaria vitalità che caratterizza l’Islam politico contemporaneo e l’azione politica dei musulmani africani. Per portare avanti questa riflessione, di seguito tratto, in primo luogo, del discorso radicale e attivista, presente nel linguaggio politico islamico, il quale da sempre si contrappone al principio autoritario e quietista del potere. In secondo luogo mi focalizzo sull’Islam africano, in particolar modo su quegli aspetti che lo rendono uno strumento di resistenza e di contestazione per i gruppi sociali marginali. Successivamente mi soffermo sulle fasi salienti della storia dell’Islam africano (epopea dei jihad, colonialismo, indipendenza e decolonizzazione, contemporaneità) dimostrando che l’Islam, in certi contesti e per alcuni gruppi, può assumere i tratti di una controcultura e di un contropotere. Infine evidenzio due esempi eterogenei ma paradigmatici dei vari modi in cui il linguaggio politico dell’Islam si può declinare: in primis il ruolo della confraternita Hamalliyya nella resistenza anticoloniale degli anni ’30 e ’40 e, successivamente, il rapporto tra Islam e Stato nel Burkina Faso “rivoluzionario”degli anni ’80. Estratto da Sine Contracultura

Commenti

  1. Non la ragione, ma il pensiero inconsapevole ha spinto i popoli a rischiare e spendere la propria vita.Per la natura stessa di questo fenomeno in passato vi era un unico strumento per integrare interi popoli: o ti converti o muori. In realtà si tratta per lo piú di eliminare i «diversi». É quasi impossibile far cambiare idea alle persone, in particolare quando credono a idee per la ragione implausibili. Si puó solo vivere o morire per esse. Sono idee che non si possono sconfiggere con la ragione e sono fuori dal controllo umano. Ma ci sono umani che possono usarle per controllare altri umani. Idee implausibili, ma potenti. Se tutto questo fosse ragionevolmente vero, l’islam, come qualsiasi altre religione o ideologia, rappresenta una spinta «automatica» verso un modello di vita. Qui si chiude il cerchio: chi integra chi? Quale idea implausibile avrà il sopravvento? --- L’Europa ha peró insegnato al mondo che esistono altri modi di pensaree e di agire; per esempio esplorare le idee del prossimo e usarle a proprio vantaggio. Una differenza non di poco conto.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. L'Europa però ha conosciuto la prima vittoria radicale di popolo. La rivoluzione francese

      Elimina

Posta un commento

Post popolari in questo blog

E' ARRIVATO IL NUOVO MESSIAH

  “La luce ha vinto e tutti i progressi del male del Mondo mai potranno cambiare il corso delle cose. Il solstizio d’inverno, il sole di natale, la luce invitta, aprono una speranza per gli uomini affranti da paura, timori e futuro incerto”. Sono parole di riflessione di Joseph Ratzinger espresse agli inizi degli anni sessanta, all’epoca poco più che trentenne. Per molti sono parole profetiche, in realtà si possono ritenere “da copione” per il finale di un film sulla pandemia attuale. Ammesso che si possa intravedere un finale alla situazione. Arriva il nuovo Messia, nei giorni in cui ricorre la nascita dell’ultimo messia mostratosi sulla terra, ma questa volta appare a noi, non più come uomo, ma in forma liquida. Esattamente come la società attuale, intesa da Zygmunt Bauman. Il progetto è lo stesso, duemila anni fa si diffondeva la parola di Cristo. Oggi si diffonde il vaccino della Pfizer, santificato dai media come soluzione salvifica, potrebbe però rivelarsi soluzione fisiologi

L’ATTUALITA’ DI GIORDANO BRUNO. L’INFINITO CREATIVO E DIALETTICO COME ALTERNATIVA AL PENSIERO UNICO

Nella sua concezione filosofica il pensatore nolano traccia le linee di un superamento della ideologia tradizionale occidentale, espandendo il centro spirituale sino agli estremi della infinita molteplicità del tutto. Nei Dialoghi Italiani Giordano Bruno rovescia e ribalta la tradizione medievale neoplatonico-aristotelica, introducendo il concetto dell’infinito creativo e dialettico. In questa maniera egli propone una concezione etico-politica e religiosa rivoluzionaria, che scardina l’architrave della tradizione ideologica occidentale: la concezione dell’Uno, necessario e d’ordine, assolutamente chiuso e riduttivo. Perché di rivoluzione si tratta. La modernità si aprirà dopo Bruno cercando infatti di negare la possibilità indicata dal pensatore nolano, attuando una doppia linea di sviluppo: una nuova tradizione metafisica dell’oggettività ed una nuova tradizione metafisica della soggettività. Cercheranno infatti di sovrapporsi allo spazio immaginativo e razionale offerto dal presupp

LA REPUBBLICA DI UNO STATO SCONFITTO

Il 2 giugno 1946, nacque una repubblica di uno Stato, che non aveva convinzione. Quella convinzione è giunta sino ad oggi, manifestandosi nel malaffare, nella giustizia politicizzata. Oggi si fa presto a dire Repubblica. E si fa presto anche a dire democrazia e poi libertà, popolo e Costituzione., Tutti questi termini appaiono scontati alle nuove generazioni. Abitudini quotidiane il cui vero significato è, di fatto, sconosciuto. A essi ci si è fatta l’abitudine. Così come si fa l’abitudine al lavoro della Magistratura di una Repubblica di uno Stato debole come il nostro. Duecentosettantaquattro anni, è la somma di tutte le pene commisurate ai responsabili del disastro ambientale creato a Taranto, con l’Ilva. Imprenditori, dirigenti ed amministratori locali, tutti coinvolti. Così, ci si divide, come sempre, sulla colpevolezza o la presunta innocenza dei condannati. Ma se analizziamo le misure singole, la più alta condanna è di ventidue anni. Tre in meno della pena contrattata da Giov