Passa ai contenuti principali

AMERICANISMI

Gli Stati Uniti hanno confermato il loro ritiro dal trattato contro la proliferazione nucleare. Il segretario di Stato, Mike Pompeo, ha motivato la decisione con il fatto che «la Russia ha violato per anni senza scrupoli l’accordo e non ha mostrato alcun serio impegno nel volerlo rispettare». E ancora: «Le violazioni della Russia mettono a rischio le vite di milioni di europei e americani» e quindi «dobbiamo reagire a questa minaccia». Poco dopo anche il segretario generale della Nato, Jens Stoltenberg ha avallato la decisione: «La Nato sostiene pienamente la sospensione da parte degli Stati Uniti del trattato Inf e la notifica del ritiro - ha dichiarato -La Russia è in grave violazione del trattato Inf e deve sfruttare i prossimi 6 mesi per ritornare alla piena e verificabile conformità o assumersi la sola responsabilità per la sua dismissione». Firmato l’8 dicembre 1987 dall’allora presidente americano Ronald Reagan e dal russo Mikhail Gorbaciov, lo storico trattato antimissili con Mosca portò alla distruzione di ben 2.692 missili, 846 americani e 1.846 russi e fu una delle pietre miliari della fine della guerra fredda. Pompeo ha aggiunto che gli Stati Uniti sono pronti ad avviare un negoziato con Mosca sul controllo delle armi. Donald Trump sta mostrando al mondo intero che l’America ha ancora potere di destabilizzazione mondiale. L’agenda estera di Trump è molto esplicita e non lascia spazio ad interpretazioni ordinarie. Il prossimo obbiettivo è l’indebolimento di ricchezze e di potere delle maggiori potenze planetarie. Nel tentativo di realizzare il sogno neocon di un nuovo secolo americano. La storia recente statunitense insegna che i dem hanno sempre perpetuato l’agenda dei repubblicani. I diversi fallimenti di Carter, in Iran ed Afghanistan, hanno favorito l’ascesa di Reagan. Decenni più tardi, la politica fallimentare di Clinton, in particolare in Somalia, ha favorito il successo di G. Bush junior. Di recente, anche il nostalgico, secondo l’opinione pubblica americana, Barack Obama ha commesso errori fatali, tali da favorire i conservatori con il loro programma “Make America Great Again”. La strategia americana è incentrata sul ritiro strategico da scenari di guerra infinite e costose, per concentrare gli sforzi sui teatri che contano. Ovvero Unione Europea, a guida franco tedesca, che segue Trump in maniera altalenante. La Russia Neoimperialista di Putin, che sulla nuova via della seta costruisce il suo baco assieme a Turchia ed Iran, e queste ultime rappresentano una seria minaccia esistenziale negli affari che contano con Israele ed Arabia saudita. In fine la Cina, capace di sfidare e forse anche vincere l’impero americano. La Russia e la Cina hanno diversi accordi di cooperazione energetica ed economica con il Venezuela, paese tra i più ricchi di petrolio. Mentre per l’Iran è di fondamentale importanza mantenere rapporti saldi con Caracas, per la penetrazione compiacente venezuelana, degli Hezbollah. E’ per questo che il governo Trump si è affrettato subito a riconoscere Guaidò, autoproclamatosi presidente, dando vita ad una diarchia nel paese sudamericano, in modo da destabilizzare gli equilibri internazionali. La Ue si è subito schierata con gli Usa, per paura di faide commerciali e nella speranza che Trump possa avvicinarsi agli europei. In tutto ciò l’Italia, bieca e ignorante come i suoi leader che la rispecchiano, è l’unico paese europeo a schierarsi con Maduro, sedendosi dalla parte sbagliata del mondo, quasi inconsapevolmente, assieme ad Assad ed Erdogan. Ha fatto fin quasi meglio il Vaticano che ha auspicato una soluzione di mezzo, ma pacifica. E’ in dubbio che Trump non è quel pazzo sprovveduto che si è trovato Presidente in una notte. Sta avendo successo. Chi ignora questo, non ha ben presente la visone delle sorti del mondo. Insomma il Venezuela è importante non solo per le riserve di petrolio. La posta in gioco è alta, non soltanto la libertà di un popolo, ma in ballo ci sono i meccanismi per l’equilibrio geopolitico ed economico di tutto il pianeta.

Commenti

Post popolari in questo blog

E' ARRIVATO IL NUOVO MESSIAH

  “La luce ha vinto e tutti i progressi del male del Mondo mai potranno cambiare il corso delle cose. Il solstizio d’inverno, il sole di natale, la luce invitta, aprono una speranza per gli uomini affranti da paura, timori e futuro incerto”. Sono parole di riflessione di Joseph Ratzinger espresse agli inizi degli anni sessanta, all’epoca poco più che trentenne. Per molti sono parole profetiche, in realtà si possono ritenere “da copione” per il finale di un film sulla pandemia attuale. Ammesso che si possa intravedere un finale alla situazione. Arriva il nuovo Messia, nei giorni in cui ricorre la nascita dell’ultimo messia mostratosi sulla terra, ma questa volta appare a noi, non più come uomo, ma in forma liquida. Esattamente come la società attuale, intesa da Zygmunt Bauman. Il progetto è lo stesso, duemila anni fa si diffondeva la parola di Cristo. Oggi si diffonde il vaccino della Pfizer, santificato dai media come soluzione salvifica, potrebbe però rivelarsi soluzione fisiologi

L’ATTUALITA’ DI GIORDANO BRUNO. L’INFINITO CREATIVO E DIALETTICO COME ALTERNATIVA AL PENSIERO UNICO

Nella sua concezione filosofica il pensatore nolano traccia le linee di un superamento della ideologia tradizionale occidentale, espandendo il centro spirituale sino agli estremi della infinita molteplicità del tutto. Nei Dialoghi Italiani Giordano Bruno rovescia e ribalta la tradizione medievale neoplatonico-aristotelica, introducendo il concetto dell’infinito creativo e dialettico. In questa maniera egli propone una concezione etico-politica e religiosa rivoluzionaria, che scardina l’architrave della tradizione ideologica occidentale: la concezione dell’Uno, necessario e d’ordine, assolutamente chiuso e riduttivo. Perché di rivoluzione si tratta. La modernità si aprirà dopo Bruno cercando infatti di negare la possibilità indicata dal pensatore nolano, attuando una doppia linea di sviluppo: una nuova tradizione metafisica dell’oggettività ed una nuova tradizione metafisica della soggettività. Cercheranno infatti di sovrapporsi allo spazio immaginativo e razionale offerto dal presupp

L'EFFETTO BENEFICO DI UNA TRIPLETTA SULLE SORTI DI UN PAESE

  Se il Paradiso è il Sarrià, allora presentati a Dio con una Tripletta.  Quell’estate fu un’estate da sogno, della rinascita dell’Italian style, del sole caldo e della 127 Abarth, nera con una striscia arancione fiammante. In quei giorni di giugno e luglio la voce del Padrone di Franco Battiato urlava dalle finestre sempre spalancate. Erano i momenti del Mondiale di Spagna. Di un campionato di football epico, inaspettato padrone dei sentimenti concentrati in un centro di gravità permanente da cui la memoria di tutti non è mai più uscita. L’estate più calda di tutte. Spagna 1982. Non fu solo calcio. Dal punto di vista internazionale, dall'Atlantico al Mediterraneo i venti di almeno tre guerre lambivano le coste iberiche in quei giorni, contribuendo a condizionare il clima sportivo del Mundial. Alla cornice della Guerra fredda si aggiungevano, infatti, il conflitto tra Argentina e Inghilterra per il possesso delle isole Falkland-Malvinas e, a partire da giugno, l'attacco israe