Passa ai contenuti principali

AMERICANISMI

Gli Stati Uniti hanno confermato il loro ritiro dal trattato contro la proliferazione nucleare. Il segretario di Stato, Mike Pompeo, ha motivato la decisione con il fatto che «la Russia ha violato per anni senza scrupoli l’accordo e non ha mostrato alcun serio impegno nel volerlo rispettare». E ancora: «Le violazioni della Russia mettono a rischio le vite di milioni di europei e americani» e quindi «dobbiamo reagire a questa minaccia». Poco dopo anche il segretario generale della Nato, Jens Stoltenberg ha avallato la decisione: «La Nato sostiene pienamente la sospensione da parte degli Stati Uniti del trattato Inf e la notifica del ritiro - ha dichiarato -La Russia è in grave violazione del trattato Inf e deve sfruttare i prossimi 6 mesi per ritornare alla piena e verificabile conformità o assumersi la sola responsabilità per la sua dismissione». Firmato l’8 dicembre 1987 dall’allora presidente americano Ronald Reagan e dal russo Mikhail Gorbaciov, lo storico trattato antimissili con Mosca portò alla distruzione di ben 2.692 missili, 846 americani e 1.846 russi e fu una delle pietre miliari della fine della guerra fredda. Pompeo ha aggiunto che gli Stati Uniti sono pronti ad avviare un negoziato con Mosca sul controllo delle armi. Donald Trump sta mostrando al mondo intero che l’America ha ancora potere di destabilizzazione mondiale. L’agenda estera di Trump è molto esplicita e non lascia spazio ad interpretazioni ordinarie. Il prossimo obbiettivo è l’indebolimento di ricchezze e di potere delle maggiori potenze planetarie. Nel tentativo di realizzare il sogno neocon di un nuovo secolo americano. La storia recente statunitense insegna che i dem hanno sempre perpetuato l’agenda dei repubblicani. I diversi fallimenti di Carter, in Iran ed Afghanistan, hanno favorito l’ascesa di Reagan. Decenni più tardi, la politica fallimentare di Clinton, in particolare in Somalia, ha favorito il successo di G. Bush junior. Di recente, anche il nostalgico, secondo l’opinione pubblica americana, Barack Obama ha commesso errori fatali, tali da favorire i conservatori con il loro programma “Make America Great Again”. La strategia americana è incentrata sul ritiro strategico da scenari di guerra infinite e costose, per concentrare gli sforzi sui teatri che contano. Ovvero Unione Europea, a guida franco tedesca, che segue Trump in maniera altalenante. La Russia Neoimperialista di Putin, che sulla nuova via della seta costruisce il suo baco assieme a Turchia ed Iran, e queste ultime rappresentano una seria minaccia esistenziale negli affari che contano con Israele ed Arabia saudita. In fine la Cina, capace di sfidare e forse anche vincere l’impero americano. La Russia e la Cina hanno diversi accordi di cooperazione energetica ed economica con il Venezuela, paese tra i più ricchi di petrolio. Mentre per l’Iran è di fondamentale importanza mantenere rapporti saldi con Caracas, per la penetrazione compiacente venezuelana, degli Hezbollah. E’ per questo che il governo Trump si è affrettato subito a riconoscere Guaidò, autoproclamatosi presidente, dando vita ad una diarchia nel paese sudamericano, in modo da destabilizzare gli equilibri internazionali. La Ue si è subito schierata con gli Usa, per paura di faide commerciali e nella speranza che Trump possa avvicinarsi agli europei. In tutto ciò l’Italia, bieca e ignorante come i suoi leader che la rispecchiano, è l’unico paese europeo a schierarsi con Maduro, sedendosi dalla parte sbagliata del mondo, quasi inconsapevolmente, assieme ad Assad ed Erdogan. Ha fatto fin quasi meglio il Vaticano che ha auspicato una soluzione di mezzo, ma pacifica. E’ in dubbio che Trump non è quel pazzo sprovveduto che si è trovato Presidente in una notte. Sta avendo successo. Chi ignora questo, non ha ben presente la visone delle sorti del mondo. Insomma il Venezuela è importante non solo per le riserve di petrolio. La posta in gioco è alta, non soltanto la libertà di un popolo, ma in ballo ci sono i meccanismi per l’equilibrio geopolitico ed economico di tutto il pianeta.

Commenti

Post popolari in questo blog

E' ARRIVATO IL NUOVO MESSIAH

  “La luce ha vinto e tutti i progressi del male del Mondo mai potranno cambiare il corso delle cose. Il solstizio d’inverno, il sole di natale, la luce invitta, aprono una speranza per gli uomini affranti da paura, timori e futuro incerto”. Sono parole di riflessione di Joseph Ratzinger espresse agli inizi degli anni sessanta, all’epoca poco più che trentenne. Per molti sono parole profetiche, in realtà si possono ritenere “da copione” per il finale di un film sulla pandemia attuale. Ammesso che si possa intravedere un finale alla situazione. Arriva il nuovo Messia, nei giorni in cui ricorre la nascita dell’ultimo messia mostratosi sulla terra, ma questa volta appare a noi, non più come uomo, ma in forma liquida. Esattamente come la società attuale, intesa da Zygmunt Bauman. Il progetto è lo stesso, duemila anni fa si diffondeva la parola di Cristo. Oggi si diffonde il vaccino della Pfizer, santificato dai media come soluzione salvifica, potrebbe però rivelarsi soluzione fisiologi

QUEL CHE E' STATO DELLA RAGION DI STATO

Come 42 anni fa, lo Stato ha sbagliato ancora. Quest’ultima parola sottolinea come lo sbaglio sia una costante in questo spazio temporale intercorso dall’assassinio di Aldo Moro alla Liberazione di Silvia Romano. Dal 9 maggio al 10 maggio passa un giorno lungo più di quattro decenni, in cui è racchiusa la fragilità di un paese ridotto alla canna del gas, in confusione oggi come allora, in cui si sono alternati almeno due ventenni contrassegnati da diverse forme di socialismo. Di fatto quella svolta che avrebbe voluto dare il presidente Moro all’Italia, lui in qualche modo l’ha data, non l’ha vista in tutte le sue sfaccettature. Probabilmente non avrebbe mai voluto andasse così. Allora dovevano vincere le istituzioni ed hanno vinto le brigate rosse. Lo dimostra il fatto che oggi, i carcerieri del presidente sono tutti liberi. Lo Stato avrebbe dovuto condurre una trattativa, doveva fare politica, perché di quello si trattava. Allora è prevalsa la Ragion di Stato, con la buona morte d

IL PIANO INCLINATO OVVERO IL PROGRAMMA SCIAGURATO DI QUESTO GOVERNO

Si rotola su di un piano inclinato, dove non si vede mai quando termina, in modo da poter crollare a terra. Almeno così ci possiamo rialzare. Dalle promesse del governo, che subito, nelle prime parole del premier ha parlato di ristori alle imprese colpite, ha rassicurato sul Natale e sulla possibilità della quasi normalità, si capisce l'affanno di questa gente che non ha programmi su una possibile via di uscita. Oltre a provvedimenti assurdi, non hanno altro. Dopo che in piena emergenza, hanno badato alla diffusione di monopattini, banchi a rotelle, bonus vacanze e viaggi. Oggi richiudono scaricando la colpa sulla massa che nemmeno loro riescono a gestire. Non è la sanità pubblica che necessita investimenti, perché i numeri li sbagliano, non sono quelli. Piuttosto c'era bisogno di prudenza, proprio come le piccole imprese, che tentano di restare in equilibrio. È da rendersi conto che fare cadere un governo in questa situazione è drammatico, ma bisogna decidere presto, se s