Passa ai contenuti principali

AMERICANISMI

Gli Stati Uniti hanno confermato il loro ritiro dal trattato contro la proliferazione nucleare. Il segretario di Stato, Mike Pompeo, ha motivato la decisione con il fatto che «la Russia ha violato per anni senza scrupoli l’accordo e non ha mostrato alcun serio impegno nel volerlo rispettare». E ancora: «Le violazioni della Russia mettono a rischio le vite di milioni di europei e americani» e quindi «dobbiamo reagire a questa minaccia». Poco dopo anche il segretario generale della Nato, Jens Stoltenberg ha avallato la decisione: «La Nato sostiene pienamente la sospensione da parte degli Stati Uniti del trattato Inf e la notifica del ritiro - ha dichiarato -La Russia è in grave violazione del trattato Inf e deve sfruttare i prossimi 6 mesi per ritornare alla piena e verificabile conformità o assumersi la sola responsabilità per la sua dismissione». Firmato l’8 dicembre 1987 dall’allora presidente americano Ronald Reagan e dal russo Mikhail Gorbaciov, lo storico trattato antimissili con Mosca portò alla distruzione di ben 2.692 missili, 846 americani e 1.846 russi e fu una delle pietre miliari della fine della guerra fredda. Pompeo ha aggiunto che gli Stati Uniti sono pronti ad avviare un negoziato con Mosca sul controllo delle armi. Donald Trump sta mostrando al mondo intero che l’America ha ancora potere di destabilizzazione mondiale. L’agenda estera di Trump è molto esplicita e non lascia spazio ad interpretazioni ordinarie. Il prossimo obbiettivo è l’indebolimento di ricchezze e di potere delle maggiori potenze planetarie. Nel tentativo di realizzare il sogno neocon di un nuovo secolo americano. La storia recente statunitense insegna che i dem hanno sempre perpetuato l’agenda dei repubblicani. I diversi fallimenti di Carter, in Iran ed Afghanistan, hanno favorito l’ascesa di Reagan. Decenni più tardi, la politica fallimentare di Clinton, in particolare in Somalia, ha favorito il successo di G. Bush junior. Di recente, anche il nostalgico, secondo l’opinione pubblica americana, Barack Obama ha commesso errori fatali, tali da favorire i conservatori con il loro programma “Make America Great Again”. La strategia americana è incentrata sul ritiro strategico da scenari di guerra infinite e costose, per concentrare gli sforzi sui teatri che contano. Ovvero Unione Europea, a guida franco tedesca, che segue Trump in maniera altalenante. La Russia Neoimperialista di Putin, che sulla nuova via della seta costruisce il suo baco assieme a Turchia ed Iran, e queste ultime rappresentano una seria minaccia esistenziale negli affari che contano con Israele ed Arabia saudita. In fine la Cina, capace di sfidare e forse anche vincere l’impero americano. La Russia e la Cina hanno diversi accordi di cooperazione energetica ed economica con il Venezuela, paese tra i più ricchi di petrolio. Mentre per l’Iran è di fondamentale importanza mantenere rapporti saldi con Caracas, per la penetrazione compiacente venezuelana, degli Hezbollah. E’ per questo che il governo Trump si è affrettato subito a riconoscere Guaidò, autoproclamatosi presidente, dando vita ad una diarchia nel paese sudamericano, in modo da destabilizzare gli equilibri internazionali. La Ue si è subito schierata con gli Usa, per paura di faide commerciali e nella speranza che Trump possa avvicinarsi agli europei. In tutto ciò l’Italia, bieca e ignorante come i suoi leader che la rispecchiano, è l’unico paese europeo a schierarsi con Maduro, sedendosi dalla parte sbagliata del mondo, quasi inconsapevolmente, assieme ad Assad ed Erdogan. Ha fatto fin quasi meglio il Vaticano che ha auspicato una soluzione di mezzo, ma pacifica. E’ in dubbio che Trump non è quel pazzo sprovveduto che si è trovato Presidente in una notte. Sta avendo successo. Chi ignora questo, non ha ben presente la visone delle sorti del mondo. Insomma il Venezuela è importante non solo per le riserve di petrolio. La posta in gioco è alta, non soltanto la libertà di un popolo, ma in ballo ci sono i meccanismi per l’equilibrio geopolitico ed economico di tutto il pianeta.

Commenti

Post popolari in questo blog

LA REPUBBLICA DI UNO STATO SCONFITTO

Il 2 giugno 1946, nacque una repubblica di uno Stato, che non aveva convinzione. Quella convinzione è giunta sino ad oggi, manifestandosi nel malaffare, nella giustizia politicizzata. Oggi si fa presto a dire Repubblica. E si fa presto anche a dire democrazia e poi libertà, popolo e Costituzione., Tutti questi termini appaiono scontati alle nuove generazioni. Abitudini quotidiane il cui vero significato è, di fatto, sconosciuto. A essi ci si è fatta l’abitudine. Così come si fa l’abitudine al lavoro della Magistratura di una Repubblica di uno Stato debole come il nostro. Duecentosettantaquattro anni, è la somma di tutte le pene commisurate ai responsabili del disastro ambientale creato a Taranto, con l’Ilva. Imprenditori, dirigenti ed amministratori locali, tutti coinvolti. Così, ci si divide, come sempre, sulla colpevolezza o la presunta innocenza dei condannati. Ma se analizziamo le misure singole, la più alta condanna è di ventidue anni. Tre in meno della pena contrattata da Giov

L'INCAPACITÀ DI SAPER LEGGERE IL MONDO

Nel capitolo 19 de “Il Regno della Quantità e i Segni dei Tempi” – “I limiti della storia e della geografia” René Guénon spiega in che senso gli storici moderni non possono essere considerati affidabili quando parlano dei tempi passati e degli uomini che vi hanno vissuto. Essi, quando consultano le fonti storiche, ma anche quando analizzano reperti archeologici oppure opere d’arte, lo fanno con i filtri dei loro limiti intellettuali. Essi hanno perciò difficoltà a penetrare la mentalità degli uomini antichi, e spesso gli attribuiscono motivazioni del tutto moderne. Non solo, ma l’uomo antico aveva facoltà che l’uomo moderno ha perduto, e cercare di comprenderlo sarebbe come se un cieco cercasse di capire cosa sono i colori. Come se ciò non bastasse, essi non prendono in considerazione l’idea che il mondo stesso cambi con il passare del tempo, e certe cose che oggi sono impossibili un tempo non lo fossero. Tutte le volte che si trovano di fronte ad eventi che non sono in grado di spie

MORTE SU STRADA

A dimostrazione che non sempre muoiono i migliori, giunge notizia che Gino Strada sia giunto alla fine del cammino. A quanti ne piangono la morte, va il mio rispetto, piangono l'uomo capace di fondare Emergency, di creare tanti ospedali da campo, di aver dato asilo agli ultimi, ai disperati, ai malati. Ogni uomo ha la sua Storia, il suo vissuto e quasi mai ciò che si vede è. L'uomo ha un passato da picchiatore, massacratore comunista, tanto per dare il senso giusto alle parole, e il giusto peso alle azioni; l'uomo ha un nome di battaglia come tutti gli eroi "partigiani", perché è di un partigiano che parliamo ,nel senso più letterale del termine: di parte. L'uomo chiamato "chiave inglese" era quello che forte dell'assistenza di altri 9/10 criminali come lui, assaltava il primo Missino o presunto tale, ed a colpi di chiave inglese appunto, lo mandava all'ospedale, a volte in coma, a volte con traumi irreversibili a volte all'obitorio, co