Passa ai contenuti principali

LA CULTURA POLITICA E' IN CRISI

La cultura è la difesa di un'identità, che si forma sull'opinione pubblica e favorisce lo sviluppo e la promozione complessiva del Paese nel mondo. Tutela l'ambiente, i paesaggi urbani e naturali ed il patrimonio artistico, promuove la creatività e l'invettiva dei singoli che si confrontano in società. Dunque la cultura è fondamento della società. Il luogo del confronto in società è la città, la competizione intellettuale muove gli individui alla ricerca della città ideale. Questa città si chiama politica. Questo pensiero è ben espresso, anche se avverto una crisi netta della cultura politica italiana. Per la verità non credo di essere il primo, se ne sono accorti tutti, ma sicuramente converrete con me in un ragionamento che porta a riflettere sullo stato della società italiana. Oggi, subisce una evoluzione od una involuzione? Molti dicono che nella terminologia politica e nello stile di vita politica, la “Sinistra” e la “Destra” sono ormai scomparse. Io condivido a metà questo pensiero. La sinistra è morta da poco più di vent’anni, la destra è sepolta da quasi gli stessi anni. Ai sinistri nostalgici, viene riconosciuto il credo culturale, la superiorità morale e la lungimiranza nel guardare al progresso. Ai destrorsi non gli si riconosce nulla o quasi, tranne che la sopravvivenza e la benemerenza per coloro che si integrano alla società perbenista. Ai primi si rimprovera la nostalgia ma si elogiano le opere ed il pensiero, ai secondi si nega il pensiero e la loro esistenza. E proprio il pensiero vietato è la nuova oscenità del presente. Chi coltiva il pensiero proibito è condannato alla morte in vita. A mio parere il progresso porta al conformismo. Considerare alcuni termini profondi, ricchi di significato, proibiti, significa essere passati dalla ragione all’eccesso. Tale eccesso porta alla morte delle idee. L’identità, termine intrinseco alla parola cultura, oggi viene considerata un male, una chiusura, quando invece è ricchezza se aperta al confronto con la differenza. La comunità, a meno non la si consideri “globale”, è considerata un carcere dove esistono i fantasmi del passato. La tradizione è considerata un bene solo per i circuiti turistico – commerciali, al di fuori di tale luogo, è paragonata all’antico, al vecchio, quando invece è la garanzia della continuità che lega il passato al futuro. Prima di capire dove andiamo, bisogna capire chi siamo, quali sono le nostre origini. Di qui si capisce che l’aggettivo conservare è un’offesa al progresso. Quando invece il verbo andrebbe accostato al termine. Si conserva quanto di buono è stato fatto per aiutarsi meglio a progredire. Ecco per cui innovare è meglio che rivoluzionare, poiché non si implica la volontà dei soggetti, ma la forza della tecnica del cambiamento. Ma così l’uomo viene sormontato dalla tecnica, dall’automatismo. Questa è però l’ideologia del progresso, per cui non è possibile ripensare alle origini. Ma alle origini c’è l’uomo, con il suo bagaglio di storia e di dignità alla prova del tempo. Allora chissà il tempo non riesca a far si che si esca da questo impasse che porta all’immobilismo culturale. Usciamo dal conformismo ed apriamoci al confronto, che è il sale della cultura e rende viva e aperta la società italiana.

Commenti

Post popolari in questo blog

OGGI È ATTACCO AL VINO, IERI ALLA PROPRIETÀ. E DOMANI...

  I salutisti dell’Unione europea tornano alla carica con un’altra battaglia: quella contro il vino. A fare da apripista è stata l’Irlanda, che potrà dunque applicare sugli alcolici un’etichetta con scritto “il consumo di alcol provoca malattie del fegato” oppure “alcol e tumori mortali sono direttamente collegati”. O più direttamente "il vino provoca il cancro". Secondo i dati di Alcohol Action Ireland, il consumo di alcol puro pro capite tra chi ha più di 15 anni è stato di 10,07 litri nel 2020, che corrisponde a poco meno di 40 bottiglie di vodka, 113 bottiglie di vino o 436 pinte di birra e supera del 40% il livello di consumo indicato dalle linee guida dell’agenzia governativa Health Service Executive (HSE). Quindi l'Irlanda, attraverso il silenzio assenso della Commissione Europea, con questo provvedimento, crede sul serio di combattere l'abuso di alcol? Perché i dati sopra elencati chiariscono e permettono di affermare che siamo in presenza di un eccesso di uti

CONTRO IL DIRIGISMO TRANSUMANISTA

 L’Unione Europea, a partire dalla crisi economica globale del 2008 ha sempre fatto il possibile per farsi detestare, in Italia e in moltissime altre nazioni del continente. Occorre dire che la gestione di diverse rispettive classi dirigenti nazionali, fra incolmabili debiti pubblici e una crescita economica pari a zero, ha permesso all’Ue di manifestarsi più come una matrigna che mal sopporta i propri figliastri che come una mamma, magari severa quando serve, ma giusta nei confronti di tutti i suoi figli. Non a caso, sono poi cresciuti partiti e movimenti euroscettici in più Paesi europei, la Brexit è divenuta realtà e tutt’oggi alcuni governi nazionali, come quello ungherese e quello polacco, sono spesso in contrasto con le Istituzioni comunitarie. Del resto, Bruxelles, si direbbe, andrebbe ringraziata, con tanto di servile inchino, per i soldi del Pnrr. Intanto, è bene ricordare come il denaro del Recovery Fund non rappresenta affatto un regalo compassionevole, essendo composto, in

LA CONTROPRODUCENTE GIORNATA MONDIALE CONTRO LA VIOLENZA SULLE DONNE

  E' sempre con profonda amarezza che osservo la celebrazione di giornate come questa, accanto a tutto il carico di ipocrisia politicamente corretta che ci viene propagandata mediaticamente, tra chi si tinge il viso di rosso, cariche istituzionali che si prestano a questo giochino, dichiarazioni banali e scontate e via dolcificando l'opinione pubblica. Nel momento in cui una donna accetta di celebrare una giornata mondiale dedicata alla violenza sulle donne, crea la stessa categorizzazione di cui poi sarà vittima perchè è evidente che se si condanna la violenza soltanto verso un genere, si sta implicitamente affermando che l'altro genere non merita tutele, ottenendo come unico risultato di scatenare un focolaio di maschilismo reattivo antifemminista. Ed è attraverso la strumentalizzazione di tragedie che vedono vittima una donna e di cui è colpevole un uomo non in quanto maschio ma in quanto persona prepotente - e la prepotenza non è una caratteristica di genere ma di speci