Passa ai contenuti principali

SGUARDO SINISTRO, MA ANCHE DESTRO

 


In attesa di vedere il prossimo governo, è opportuno capire cosa accade sul fronte opposto. Le preannunciate dimissioni di Enrico Letta hanno avuto il merito di aprire una discussione dentro e fuori il Pd, e il demerito di aver spinto enne soggetti, più o meno titolati, a lanciare o a far lanciare la loro candidatura alla segreteria del partito, finendo per credere e far credere che il problema del Pd sia solo una questione di leadership.

In realtà, ad essere in crisi, e non solo in Italia, è l’intera sinistra, che da tempo ha perso la vecchia ragion d’essere e le relative rappresentanze sociali, senza averne trovate di nuove. I motivi sono tanti, e non tutta la responsabilità fa capo alle scelte fatte (o non fatte). Ma certo, è che la colpa della sinistra sta nel fatto di non essere stata capace di leggere e di trovare delle risposte. La sinistra ha elaborato una “cultura del biasimo” che declina in modo opprimente il decalogo di ciò che non si può fare e dire, codici astratti – e dunque confliggenti con la vita vera  che Simone Weil chiamava “le finte purificazioni, che servono a farti sentire migliore degli altri”. Il politicamente corretto che è tutt’altra cosa dei doveri intesi da Mazzini ed è il contrario della meritocrazia, allontana le masse e i giovani, mentre attrae la borghesia, spesso improduttiva se non parassitaria, del tutto minoritaria.

Certo, poi ci sono gli errori più squisitamente politici. Per esempio, aver creduto alla favola maggioritaria, che è stata addirittura posta da Walter Veltroni alla base del nascente Pd (“partito a vocazione maggioritaria”). L’essere transitati dal marxismo eretto a ideologia totalizzante al liberismo nella versione più scolastica e acritica, senza fermarsi alla casella della cultura keynesiana, per poi rinculare verso la peggiore delle sponde possibili, il populismo, concedendosi ad esso in tutte le sue declinazioni, da quella economica (i bonus e tutte le varie forme di spesa pubblica) a quella istituzionale (la riduzione del numero dei parlamentari). Il non essersi mai scrollato di dosso, quasi fosse una seconda pelle, quel giustizialismo usato dal 1992 in poi per scalzare il potere dominante e sostituirlo. Tutte questioni su cui il dibattito è stato flebile e marginale, per lasciare viceversa campo libero anche e forse soprattutto all’interno del partito, a la cosiddetta “vocazione governista”. Si è detto, cioè, che il Pd avrebbe eretto a sua vera e unificante ideologia il potere, come se la politica non fosse lo strumento per il raggiungimento del potere e ci si dovesse appagare della semplice testimonianza  e avesse piegato tutte le sue politiche all’obiettivo di essere al governo. Ora, è vero che il Pd è stato molto al governo, ma credo che ciò che più conta è come c’è stato, quali politiche ha promosso e realizzato. E quali alleanze ha stretto, a questo fine. Ed è qui che casca l’asino. Perché nella Seconda Repubblica ha contribuito a costruire, esattamente come Silvio Berlusconi sul fronte opposto, un bipolarismo malato, in nome del quale e in virtù delle leggi elettorali maggioritarie che lo hanno sorretto – si sono costruite maggioranze eterogenee e posticce, buone per vincere le elezioni ma pessime per governare. Idea bacata che dal 2011 in poi, a parte i momenti di unità nazionale, peraltro passaggi obbligati dalle circostanze anziché frutto di scelte, ha spinto il Pd verso l’idea di recuperare l’anti-politica nelle sue varie forme, a cominciare da quella grillina.

E qui siamo all’errore degli errori: elevare Giuseppe Conte, l’avvocato del popolo, a fortissimo punto di riferimento di tutte le forze progressiste. Una scelta pensata dall’ideologo Goffredo Bettini, fatta propria da Nicola Zingaretti e poi accantonata da Enrico Letta, peraltro incapace di essere conseguente e costruire un’alternativa. Scelta che ora si riaffaccia alla ribalta prepotentemente dopo l’esito del voto del 25 settembre, con alcune componenti del Pd e diversi interlocutori esterni che spingono per la nascita di una “cosa progressista” che leghi indissolubilmente i 5stelle e il Pd e tutto ciò che sta alla sua sinistra. Insomma, quello che doveva essere il “campo largo” e che non è stato.

Ed è proprio da qui che il Pd dovrebbe ripartire. Non per farla propria, ma per prendere atto che essa non è politicamente e culturalmente compatibile con l’opzione “riformista”, che è propria di un’altra parte del partito. E decidersi a dividere ciò che posticciamente era stato a suo tempo unito. Da una parte un partito massimalista alla Jean-Luc Mélenchon, laburista stile Jeremy Corbin, con dentro anche Conte e la pattuglia del Fatto Quotidiano, il duo Fratoianni-Bonelli, Maurizio Landini e Michele Santoro, il professor Tomaso Montanari e il professionista dell’antimafia Roberto Saviano. Dall’altra, un partito riformista, magari con un’anima più socialista o liberal-socialista e una più marcatamente liberal-democratica, pronta a dialogare con il duo Calenda-Renzi, che recuperi Emma Bonino e il mondo radicale.

Insomma, per salvare la sinistra, anzi le due sinistre, bisogna dichiarare definitivamente fallito l’esperimento veltroniano di mettere insieme i post-comunisti e gli ex democristiani di sinistra, più una spruzzata di laici, e di conseguenza sciogliere il Pd. Altro che cambiare segretario, magari ricorrendo ancora una volta al plebiscitarismo delle primarie, e procedere al restyling di nome e marchio, quasi fosse un prodotto da rilanciare sul mercato. Altro che sperare di far bene per un po’ all’opposizione. Altro che “apriamo le finestre” e facciamo entrare forze fresche o aggrapparsi ad un congresso rifondativo per “andar oltre” senza dire cosa ciò significhi. Il tema non è ritrovare l’unità che non c’è mai stata, ma consacrare le diversità, senza più ambiguità e ipocrisie.

In vista della certa spaccatura del destra-centro. Il momento in cui si manifesterà richiederà sforzi di fantasia per assicurare un governo decente al Paese.

Commenti

Post popolari in questo blog

OGGI È ATTACCO AL VINO, IERI ALLA PROPRIETÀ. E DOMANI...

  I salutisti dell’Unione europea tornano alla carica con un’altra battaglia: quella contro il vino. A fare da apripista è stata l’Irlanda, che potrà dunque applicare sugli alcolici un’etichetta con scritto “il consumo di alcol provoca malattie del fegato” oppure “alcol e tumori mortali sono direttamente collegati”. O più direttamente "il vino provoca il cancro". Secondo i dati di Alcohol Action Ireland, il consumo di alcol puro pro capite tra chi ha più di 15 anni è stato di 10,07 litri nel 2020, che corrisponde a poco meno di 40 bottiglie di vodka, 113 bottiglie di vino o 436 pinte di birra e supera del 40% il livello di consumo indicato dalle linee guida dell’agenzia governativa Health Service Executive (HSE). Quindi l'Irlanda, attraverso il silenzio assenso della Commissione Europea, con questo provvedimento, crede sul serio di combattere l'abuso di alcol? Perché i dati sopra elencati chiariscono e permettono di affermare che siamo in presenza di un eccesso di uti

CONTRO IL DIRIGISMO TRANSUMANISTA

 L’Unione Europea, a partire dalla crisi economica globale del 2008 ha sempre fatto il possibile per farsi detestare, in Italia e in moltissime altre nazioni del continente. Occorre dire che la gestione di diverse rispettive classi dirigenti nazionali, fra incolmabili debiti pubblici e una crescita economica pari a zero, ha permesso all’Ue di manifestarsi più come una matrigna che mal sopporta i propri figliastri che come una mamma, magari severa quando serve, ma giusta nei confronti di tutti i suoi figli. Non a caso, sono poi cresciuti partiti e movimenti euroscettici in più Paesi europei, la Brexit è divenuta realtà e tutt’oggi alcuni governi nazionali, come quello ungherese e quello polacco, sono spesso in contrasto con le Istituzioni comunitarie. Del resto, Bruxelles, si direbbe, andrebbe ringraziata, con tanto di servile inchino, per i soldi del Pnrr. Intanto, è bene ricordare come il denaro del Recovery Fund non rappresenta affatto un regalo compassionevole, essendo composto, in

LA CONTROPRODUCENTE GIORNATA MONDIALE CONTRO LA VIOLENZA SULLE DONNE

  E' sempre con profonda amarezza che osservo la celebrazione di giornate come questa, accanto a tutto il carico di ipocrisia politicamente corretta che ci viene propagandata mediaticamente, tra chi si tinge il viso di rosso, cariche istituzionali che si prestano a questo giochino, dichiarazioni banali e scontate e via dolcificando l'opinione pubblica. Nel momento in cui una donna accetta di celebrare una giornata mondiale dedicata alla violenza sulle donne, crea la stessa categorizzazione di cui poi sarà vittima perchè è evidente che se si condanna la violenza soltanto verso un genere, si sta implicitamente affermando che l'altro genere non merita tutele, ottenendo come unico risultato di scatenare un focolaio di maschilismo reattivo antifemminista. Ed è attraverso la strumentalizzazione di tragedie che vedono vittima una donna e di cui è colpevole un uomo non in quanto maschio ma in quanto persona prepotente - e la prepotenza non è una caratteristica di genere ma di speci