Passa ai contenuti principali

OH...GRETA THUNBERG A FAVORE DEL NUCLEARE TEDESCO!

 



Da una parte ci felicitiamo per questa presa di posizione netta ed esplicita, dall'altra non possiamo che esprimere il senso di beffa che risuona attorno ad una dichiarazione formulata ormai quasi fuori tempo massimo.


Il movimento Fridays For Future in questi anni ha mobilitato le coscienze di un'intera generazione di giovani, e avrebbe potuto DAVVVERO CONCRETAMENTE incidere sulle politiche energetiche tedesche e mondiali, se fin da subito avesse chiarito che ogni centrale nucleare prematuramente spenta in ogni parte del mondo, rappresentava un danno alla lotta ai cambiamenti climatici e alla decarbonizzazione. E avesse mobilitato i giovani in tal senso.


Invece troppo poco è stato fatto. Bisogna dirlo chiaramente e senza mezzi termini, e vorremmo che venisse riconosciuto questo errore strategico da parte del movimento, di chi lo guida, e di tutta la sua base. 

Certo, ci sono anche state dichiarazioni importanti, come quella di Fridays For Future Italia che in un documento uscito questa primavera sottolineava l'importanza di mantenere attive le centrali ove possibile (link nei commenti), ma era una presa di posizione che veniva in parte contraddetta poche settimane dopo dalle manifestazioni di piazza in cui si diceva invece NO al nucleare in Tassonomia Europea, là dove la Tassonomia era utile ANCHE per il prolungamento della vita delle centrali nucleari di tutta Europa. 


Una contraddizione che abbiamo cercato spesso di far notare, come avevamo spesso fatto notare in tutti gli anni precedenti quanto fosse necessario che anche Greta Thunberg, e con lei tutti i movimenti FFF d'Europa, si esprimessero SUBITO e CHIARAMENTE, SENZA AMBIGUITA' sulla questione dell'energia nucleare, per lo meno, come minimo, per salvare la flotta di impianti esistenti, là dove era evidente che ogni chiusura comportava un aumento della dipendenza dai combustibili fossili. 

Per quattro anni si è gridato a gran voce che bisognava far in FRETTA, che non c'era tempo, ma su questo particolare aspetto, così cruciale, ci si è lasciati dietro solo silenzi o dichiarazioni troppo isolate o ambigue.

Per quale motivo siamo dovuti arrivare all'11 ottobre 2022 per dover leggere una dichiarazione così netta? Mancano meno di tre mesi alla data nella quale dovrebbe avvenire il phase-out definitivo degli ultimi tre reattori tedeschi, ma questa scadenza era nota da anni! E a tutti erano note le conseguenze, a prescindere dal conflitto in Ucraina che ha solo il demerito di aver accelerato le cose e reso più evidente il problema. 

E adesso? Nella migliore delle ipotesi, purtroppo, il phase-out verrà ritardato solo di qualche mese. E nel frattempo nessuno più pensa agli altri tre reattori che si sarebbero potuti salvare lo scorso 31 dicembre, e per i quali non si è visto nessuno mobilitarsi, se non le poche associazioni come la nostra e i partner della Nuclear Pride Coalition, che davanti ad ambasciate, consolati e altre realtà del mondo industriale ed economico tedesco, avevano cercato di lanciare più di qualche segnale al mondo politico e ambientalista. Altrettanta poca mobilitazione in occasione del tentato (e purtroppo fallito) salvataggio della centrale americana di Indian Point. Li avremmo voluti al nostro fianco, VI avremmo voluti al nostro fianco quando c'era per davvero il tempo per cambiare le cose. 


Ora, purtroppo, rischiamo solo di piangere insieme al funerale del nucleare tedesco. La consolazione è un po' magra.


Forse, oltre alle lacrime, chiediamoci cos'altro possiamo fare SUBITO, INSIEME, per evitare tra qualche anno di doverci guardare in faccia di nuovo e chiederci cosa è andato storto e cosa si poteva fare per evitarlo. 

L'abbiamo sempre detto, e lo ripetiamo: ragazzi di FFF, siamo dalla vostra parte. Dalla stessa parte. E' ora di dimostrarlo con le parole e con fatti. C'è una petizione, in Germania, e durerà ancora tre giorni. La firmate pure voi? Forse non è detta ancora l'ultima parola. 

Janus

Commenti

Post popolari in questo blog

CONTRO IL DIRIGISMO TRANSUMANISTA

 L’Unione Europea, a partire dalla crisi economica globale del 2008 ha sempre fatto il possibile per farsi detestare, in Italia e in moltissime altre nazioni del continente. Occorre dire che la gestione di diverse rispettive classi dirigenti nazionali, fra incolmabili debiti pubblici e una crescita economica pari a zero, ha permesso all’Ue di manifestarsi più come una matrigna che mal sopporta i propri figliastri che come una mamma, magari severa quando serve, ma giusta nei confronti di tutti i suoi figli. Non a caso, sono poi cresciuti partiti e movimenti euroscettici in più Paesi europei, la Brexit è divenuta realtà e tutt’oggi alcuni governi nazionali, come quello ungherese e quello polacco, sono spesso in contrasto con le Istituzioni comunitarie. Del resto, Bruxelles, si direbbe, andrebbe ringraziata, con tanto di servile inchino, per i soldi del Pnrr. Intanto, è bene ricordare come il denaro del Recovery Fund non rappresenta affatto un regalo compassionevole, essendo composto, in

OGGI È ATTACCO AL VINO, IERI ALLA PROPRIETÀ. E DOMANI...

  I salutisti dell’Unione europea tornano alla carica con un’altra battaglia: quella contro il vino. A fare da apripista è stata l’Irlanda, che potrà dunque applicare sugli alcolici un’etichetta con scritto “il consumo di alcol provoca malattie del fegato” oppure “alcol e tumori mortali sono direttamente collegati”. O più direttamente "il vino provoca il cancro". Secondo i dati di Alcohol Action Ireland, il consumo di alcol puro pro capite tra chi ha più di 15 anni è stato di 10,07 litri nel 2020, che corrisponde a poco meno di 40 bottiglie di vodka, 113 bottiglie di vino o 436 pinte di birra e supera del 40% il livello di consumo indicato dalle linee guida dell’agenzia governativa Health Service Executive (HSE). Quindi l'Irlanda, attraverso il silenzio assenso della Commissione Europea, con questo provvedimento, crede sul serio di combattere l'abuso di alcol? Perché i dati sopra elencati chiariscono e permettono di affermare che siamo in presenza di un eccesso di uti

LA CONTROPRODUCENTE GIORNATA MONDIALE CONTRO LA VIOLENZA SULLE DONNE

  E' sempre con profonda amarezza che osservo la celebrazione di giornate come questa, accanto a tutto il carico di ipocrisia politicamente corretta che ci viene propagandata mediaticamente, tra chi si tinge il viso di rosso, cariche istituzionali che si prestano a questo giochino, dichiarazioni banali e scontate e via dolcificando l'opinione pubblica. Nel momento in cui una donna accetta di celebrare una giornata mondiale dedicata alla violenza sulle donne, crea la stessa categorizzazione di cui poi sarà vittima perchè è evidente che se si condanna la violenza soltanto verso un genere, si sta implicitamente affermando che l'altro genere non merita tutele, ottenendo come unico risultato di scatenare un focolaio di maschilismo reattivo antifemminista. Ed è attraverso la strumentalizzazione di tragedie che vedono vittima una donna e di cui è colpevole un uomo non in quanto maschio ma in quanto persona prepotente - e la prepotenza non è una caratteristica di genere ma di speci