Passa ai contenuti principali

DALL'EMANCIPAZIONE SIOVIETCA AL NUOVO IMPERO

 


È difficile non interpretare l’attività dell’ultimo presidente dell’Unione Sovietica alla luce di ciò che è diventata oggi la Russia e soprattutto della guerra che Mosca conduce in Ucraina ormai da sei mesi.

Al potere dal 1985 fino alla fine dell’Urss nel 1991, Michail Gorbačëv non ne desiderava la scomparsa. Voleva solo umanizzarla e modernizzarla nel tentativo di salvarla. I suoi due progetti principali, la glasnost e la perestrojka, incentrati sulle libertà e sulla trasformazione economica, puntavano a far emergere un’Urss senza totalitarismo. Ma si trattava di un piano utopico. La scommessa è stata persa, per riprendere il titolo di un libro dell’ultimo portavoce di Gorbačëv, Andreij Graciev.

Alla fine l’Unione Sovietica è implosa, un evento storico accolto dagli occidentali e dai popoli europei come un miracolo inatteso e portatore di un’epoca di democrazia. Eppure oggi molti esponenti dell’homo sovieticus, gli uomini e le donne forgiati da decenni di comunismo, condividono l’opinione espressa in passato da Vladimir Putin secondo cui la morte dell’Urss è stata “la più grande catastrofe geopolitica del ventunesimo secolo”.

Putin è diventato presidente della Federazione russa il 1 gennaio 2000, presentandosi inizialmente come l’antitesi a Boris Eltsin, responsabile della discesa all’inferno della Russia. Putin è stato scelto per risanare il paese, compito che ha portato a termine. I russi gliene sono stati riconoscenti.

In un secondo momento Putin è diventato anche l’antiGorbačëv costruendosi un’immagine di ex agente del Kgb virile e determinato e basando sull’autoritarismo e sull’antioccidentalismo della Russia il quadro ideologico del suo lungo regno.

L’Unione Sovietica è morta, ma il sovietismo le è sopravvissuto. Gorbačëv è uscito di scena quando Putin ha trasformato la Russia in una potenza autoritaria agli antipodi della glasnost, in guerra semidichiarata con l’occidente laddove il principale merito dell’ultimo presidente dell’Urss era stato quello di aver seppellito la guerra fredda. L’invasione dell’Ucraina è il punto d’arrivo di questa demolizione di fatto del sogno di Gorbačëv.

L’Urss è morta, ma il sovietismo le è sopravvissuto. Putin sfrutta questo sentimento per ridurre al silenzio i critici sul fronte interno e per imporre il rispetto e la riverenza a quella che considera come la sfera d’influenza naturale della Russia. L’Ucraina e la sua tentazione europea non hanno spazio in questa visione del mondo.

Gorbačëv aveva scelto di consentire all’ex blocco sovietico di emanciparsi e aveva un progetto che avrebbe dovuto trascendere i blocchi, quello della “casa comune europea”. Gli occidentali non lo hanno seguito, soddisfatti di aver ottenuto la fine della guerra fredda e poi anche la fine dell’Urss.

È questo malinteso, questo “imbroglio” del 1991, che ancora oggi viene rimproverato a Gorbačëv dai suoi critici russi. Per questo motivo il suo nome è venerato in occidente ma disprezzato in Russia. La sua morte, in piena guerra in Ucraina, ne è il simbolo definitivo. 

Commenti

Post popolari in questo blog

LA NOSTRA GENERAZIONE NON HA PERSO. E' STATA SOLO AGGREDITA PER ARROGANZA CULTURALE

La nostra generazione era tollerante. E non lo sapeva. E' arrivato il fluid gender e, di conseguenza, l’omofobia. In ambito musicale, per esempio, oggi è Fedez che fa clamore più per le sue esternazioni e dimostrazioni, che per la sua qualità musicale. Attenzionando la sensibilità per i diritti, oppure la pochezza dei contenuti politici. La mia generazione ascoltava e amava David Bowie e Lou Reed, e non si è mai posta il problema di che preferenze sessuali avessero. Non interessava, anzi, contenti loro e, in qualche caso, beati loro. Elton John, Freddy Mercury, George Michael. La mia generazione amava i Led Zeppelin, i Deep Purple, Neil Young, gli Eagles...senza porsi il problema dei testi che oggi sarebbero giudicati sessisti. Quando arrivò Boy George non ci chiedemmo se gli piacesse il maschio, la femmina o tutti e due. Ci godemmo semplicemente la sua musica. E quando Jimmy Somerville ci raccontò la sua storia di ragazzo di una piccola città, ci commuovemmo e cantammo insieme a

MORTE SU STRADA

A dimostrazione che non sempre muoiono i migliori, giunge notizia che Gino Strada sia giunto alla fine del cammino. A quanti ne piangono la morte, va il mio rispetto, piangono l'uomo capace di fondare Emergency, di creare tanti ospedali da campo, di aver dato asilo agli ultimi, ai disperati, ai malati. Ogni uomo ha la sua Storia, il suo vissuto e quasi mai ciò che si vede è. L'uomo ha un passato da picchiatore, massacratore comunista, tanto per dare il senso giusto alle parole, e il giusto peso alle azioni; l'uomo ha un nome di battaglia come tutti gli eroi "partigiani", perché è di un partigiano che parliamo ,nel senso più letterale del termine: di parte. L'uomo chiamato "chiave inglese" era quello che forte dell'assistenza di altri 9/10 criminali come lui, assaltava il primo Missino o presunto tale, ed a colpi di chiave inglese appunto, lo mandava all'ospedale, a volte in coma, a volte con traumi irreversibili a volte all'obitorio, co

L'INCAPACITÀ DI SAPER LEGGERE IL MONDO

Nel capitolo 19 de “Il Regno della Quantità e i Segni dei Tempi” – “I limiti della storia e della geografia” René Guénon spiega in che senso gli storici moderni non possono essere considerati affidabili quando parlano dei tempi passati e degli uomini che vi hanno vissuto. Essi, quando consultano le fonti storiche, ma anche quando analizzano reperti archeologici oppure opere d’arte, lo fanno con i filtri dei loro limiti intellettuali. Essi hanno perciò difficoltà a penetrare la mentalità degli uomini antichi, e spesso gli attribuiscono motivazioni del tutto moderne. Non solo, ma l’uomo antico aveva facoltà che l’uomo moderno ha perduto, e cercare di comprenderlo sarebbe come se un cieco cercasse di capire cosa sono i colori. Come se ciò non bastasse, essi non prendono in considerazione l’idea che il mondo stesso cambi con il passare del tempo, e certe cose che oggi sono impossibili un tempo non lo fossero. Tutte le volte che si trovano di fronte ad eventi che non sono in grado di spie