Passa ai contenuti principali

IL TEMPO SCIOLTO

L’uomo può sperare quindi ogni giorno in un tempo migliore, può credere sempre in un futuro più roseo. Ognuno è padrone del proprio tempo. Per cui il miglior augurio che si possa dare in conclusione è quello di sapervi gestire il vostro Tempo. Se ad un certo punto i motori necessitano di essere spenti, fermatevi a sperare. Questo era l’auspicio che scrivevo ad inizio anno. Oggi però è più giusto domandarsi “Che ne sarà di noi?” Questa è la domanda che spesso ci affligge durante l’arco di queste settimane così intensamente vissute da un punto di vista psichico. Domande come questa ci spingono a fare i conti con le nostre paure inespresse e ci perseguitano lungo tutti gli spazi della nostra vita. Come potremo riattaccare i cocci della nostra esistenza frantumati da questo tsunami una volta che tutto sarà alle spalle? Altra domanda che può considerarsi più che lecita, dato il contesto in cui veniamo continuamente catapultati dai media, dalla società, dagli affetti, ma certo non può essere altrettanto lecito utilizzare le nostre energie solo per provare ad immaginare ciò che sarà delle nostre vite future, tentando di trovare una risposta a cui nessuno può rispondere. In tempo di pace passiamo una moltitudine di momenti a desiderare di avere del tempo. Ci arrabbiamo con noi stessi, con gli altri, col fato, per non averne mai abbastanza. Bene, per uno strano scherzo del destino, di tempo ora, per chi non è impegnato sul campo e non si trova in prima linea, o per chi non è stato già colpito a tradimento, ce n’è in dosi massicce. Molti di noi potrebbero dire di essere ormai in “overdose da tempo”. È come se tutto questo tempo, quasi quasi ci infastidisse, talmente assuefatti a fare i conti con una vita che del vero tempo spesso ci concede solamente le briciole. Ogni giorno assistiamo ad un susseguirsi di appelli istituzionali che ci invitano a stare a casa. Sì, certo, è importante stare a casa. Ma se il tempo che ora ci ritroviamo a poter sfruttare appieno non fossimo in grado di sfruttarlo davvero? Non sarebbe ugualmente un peccato avere del tempo e non essere nemmeno in grado di poterlo utilizzare? Non sarebbe un insulto a chi ormai di tempo non ne ha più a propria disposizione? Costantemente ci riempiamo le ore di social media, di film, di videogiochi, intrattenimento vario. Ma siamo sicuri che sia il miglior modo di sfruttare ciò che ardentemente desideriamo? Se ad un tratto ci ritrovassimo noi stessi, ad essere gli sfortunati protagonisti del bollettino di guerra giornaliero, non proveremmo alcun tipo di rimpianto? Non ho certamente le risposte a queste domande, nessuno probabilmente ha la risposta giusta da dare alla domanda esistenziale sulle nostre sorti, ma se le risposte alle domande che sorgono spontanee a questo punto non sono quelle che vorremmo, dovremmo fare i conti con la nostra coscienza. Essa alla fine detta sempre legge su tutto. Non ho tutte le risposte che vorrei avere, ma una cosa posso dire con certezza: il peggiore dei mali oggi è avere tempo e non sapere come sfruttarlo. Il tempo raramente si mostra così clemente con noi. Difficilmente ci regala un’altra possibilità. Pensiamoci prima di maledire la prossima giornata da dedicare a noi.

Commenti

Post popolari in questo blog

CULTURA ED ATTUALITA' 2a PARTE

PRIMA PARTE pubblicata qui il 03/11/2019 I mali della cultura. L’interesse e le lobby? Come ho scritto più o meno all’inizio di questo scritto, il maggior nemico della cultura è l’interesse. Come penso, di aver dimostrato fin qui, la controcultura, sottoforma di protesta, si è manifestata nel novecento, contro le più svariate forme di potere. Ma il potere è caratterizzato da una serie innumerevole di poteri, da cui dipendono le influenze in società delle lobby. Potere e Lobby Gay Il potere per salvaguardare lo status quo e conservarsi ha l’obbligo di mistificare la realtà, creare disordine, sradicare l’uomo dalla società, manipolare l’informazione, ma soprattutto limitare il pensiero dell’opinione pubblica attraverso un linguaggio fondato sul dualismo politico, morale ed estetico. Amico/nemico, destra/sinistra, bene/male, bello/brutto, buono/cattivo. Come se tutto potesse essere etichettato e messo in un catalogo, il quale in fin dei conti altro non è che il “pensiero unico”, la “

CONTRO IL DIRIGISMO TRANSUMANISTA

 L’Unione Europea, a partire dalla crisi economica globale del 2008 ha sempre fatto il possibile per farsi detestare, in Italia e in moltissime altre nazioni del continente. Occorre dire che la gestione di diverse rispettive classi dirigenti nazionali, fra incolmabili debiti pubblici e una crescita economica pari a zero, ha permesso all’Ue di manifestarsi più come una matrigna che mal sopporta i propri figliastri che come una mamma, magari severa quando serve, ma giusta nei confronti di tutti i suoi figli. Non a caso, sono poi cresciuti partiti e movimenti euroscettici in più Paesi europei, la Brexit è divenuta realtà e tutt’oggi alcuni governi nazionali, come quello ungherese e quello polacco, sono spesso in contrasto con le Istituzioni comunitarie. Del resto, Bruxelles, si direbbe, andrebbe ringraziata, con tanto di servile inchino, per i soldi del Pnrr. Intanto, è bene ricordare come il denaro del Recovery Fund non rappresenta affatto un regalo compassionevole, essendo composto, in

LA CONTROPRODUCENTE GIORNATA MONDIALE CONTRO LA VIOLENZA SULLE DONNE

  E' sempre con profonda amarezza che osservo la celebrazione di giornate come questa, accanto a tutto il carico di ipocrisia politicamente corretta che ci viene propagandata mediaticamente, tra chi si tinge il viso di rosso, cariche istituzionali che si prestano a questo giochino, dichiarazioni banali e scontate e via dolcificando l'opinione pubblica. Nel momento in cui una donna accetta di celebrare una giornata mondiale dedicata alla violenza sulle donne, crea la stessa categorizzazione di cui poi sarà vittima perchè è evidente che se si condanna la violenza soltanto verso un genere, si sta implicitamente affermando che l'altro genere non merita tutele, ottenendo come unico risultato di scatenare un focolaio di maschilismo reattivo antifemminista. Ed è attraverso la strumentalizzazione di tragedie che vedono vittima una donna e di cui è colpevole un uomo non in quanto maschio ma in quanto persona prepotente - e la prepotenza non è una caratteristica di genere ma di speci