Passa ai contenuti principali

IL TEMPO SCIOLTO

L’uomo può sperare quindi ogni giorno in un tempo migliore, può credere sempre in un futuro più roseo. Ognuno è padrone del proprio tempo. Per cui il miglior augurio che si possa dare in conclusione è quello di sapervi gestire il vostro Tempo. Se ad un certo punto i motori necessitano di essere spenti, fermatevi a sperare. Questo era l’auspicio che scrivevo ad inizio anno. Oggi però è più giusto domandarsi “Che ne sarà di noi?” Questa è la domanda che spesso ci affligge durante l’arco di queste settimane così intensamente vissute da un punto di vista psichico. Domande come questa ci spingono a fare i conti con le nostre paure inespresse e ci perseguitano lungo tutti gli spazi della nostra vita. Come potremo riattaccare i cocci della nostra esistenza frantumati da questo tsunami una volta che tutto sarà alle spalle? Altra domanda che può considerarsi più che lecita, dato il contesto in cui veniamo continuamente catapultati dai media, dalla società, dagli affetti, ma certo non può essere altrettanto lecito utilizzare le nostre energie solo per provare ad immaginare ciò che sarà delle nostre vite future, tentando di trovare una risposta a cui nessuno può rispondere. In tempo di pace passiamo una moltitudine di momenti a desiderare di avere del tempo. Ci arrabbiamo con noi stessi, con gli altri, col fato, per non averne mai abbastanza. Bene, per uno strano scherzo del destino, di tempo ora, per chi non è impegnato sul campo e non si trova in prima linea, o per chi non è stato già colpito a tradimento, ce n’è in dosi massicce. Molti di noi potrebbero dire di essere ormai in “overdose da tempo”. È come se tutto questo tempo, quasi quasi ci infastidisse, talmente assuefatti a fare i conti con una vita che del vero tempo spesso ci concede solamente le briciole. Ogni giorno assistiamo ad un susseguirsi di appelli istituzionali che ci invitano a stare a casa. Sì, certo, è importante stare a casa. Ma se il tempo che ora ci ritroviamo a poter sfruttare appieno non fossimo in grado di sfruttarlo davvero? Non sarebbe ugualmente un peccato avere del tempo e non essere nemmeno in grado di poterlo utilizzare? Non sarebbe un insulto a chi ormai di tempo non ne ha più a propria disposizione? Costantemente ci riempiamo le ore di social media, di film, di videogiochi, intrattenimento vario. Ma siamo sicuri che sia il miglior modo di sfruttare ciò che ardentemente desideriamo? Se ad un tratto ci ritrovassimo noi stessi, ad essere gli sfortunati protagonisti del bollettino di guerra giornaliero, non proveremmo alcun tipo di rimpianto? Non ho certamente le risposte a queste domande, nessuno probabilmente ha la risposta giusta da dare alla domanda esistenziale sulle nostre sorti, ma se le risposte alle domande che sorgono spontanee a questo punto non sono quelle che vorremmo, dovremmo fare i conti con la nostra coscienza. Essa alla fine detta sempre legge su tutto. Non ho tutte le risposte che vorrei avere, ma una cosa posso dire con certezza: il peggiore dei mali oggi è avere tempo e non sapere come sfruttarlo. Il tempo raramente si mostra così clemente con noi. Difficilmente ci regala un’altra possibilità. Pensiamoci prima di maledire la prossima giornata da dedicare a noi.

Commenti

Post popolari in questo blog

E' ARRIVATO IL NUOVO MESSIAH

  “La luce ha vinto e tutti i progressi del male del Mondo mai potranno cambiare il corso delle cose. Il solstizio d’inverno, il sole di natale, la luce invitta, aprono una speranza per gli uomini affranti da paura, timori e futuro incerto”. Sono parole di riflessione di Joseph Ratzinger espresse agli inizi degli anni sessanta, all’epoca poco più che trentenne. Per molti sono parole profetiche, in realtà si possono ritenere “da copione” per il finale di un film sulla pandemia attuale. Ammesso che si possa intravedere un finale alla situazione. Arriva il nuovo Messia, nei giorni in cui ricorre la nascita dell’ultimo messia mostratosi sulla terra, ma questa volta appare a noi, non più come uomo, ma in forma liquida. Esattamente come la società attuale, intesa da Zygmunt Bauman. Il progetto è lo stesso, duemila anni fa si diffondeva la parola di Cristo. Oggi si diffonde il vaccino della Pfizer, santificato dai media come soluzione salvifica, potrebbe però rivelarsi soluzione fisiologi

QUEL CHE E' STATO DELLA RAGION DI STATO

Come 42 anni fa, lo Stato ha sbagliato ancora. Quest’ultima parola sottolinea come lo sbaglio sia una costante in questo spazio temporale intercorso dall’assassinio di Aldo Moro alla Liberazione di Silvia Romano. Dal 9 maggio al 10 maggio passa un giorno lungo più di quattro decenni, in cui è racchiusa la fragilità di un paese ridotto alla canna del gas, in confusione oggi come allora, in cui si sono alternati almeno due ventenni contrassegnati da diverse forme di socialismo. Di fatto quella svolta che avrebbe voluto dare il presidente Moro all’Italia, lui in qualche modo l’ha data, non l’ha vista in tutte le sue sfaccettature. Probabilmente non avrebbe mai voluto andasse così. Allora dovevano vincere le istituzioni ed hanno vinto le brigate rosse. Lo dimostra il fatto che oggi, i carcerieri del presidente sono tutti liberi. Lo Stato avrebbe dovuto condurre una trattativa, doveva fare politica, perché di quello si trattava. Allora è prevalsa la Ragion di Stato, con la buona morte d

IL PIANO INCLINATO OVVERO IL PROGRAMMA SCIAGURATO DI QUESTO GOVERNO

Si rotola su di un piano inclinato, dove non si vede mai quando termina, in modo da poter crollare a terra. Almeno così ci possiamo rialzare. Dalle promesse del governo, che subito, nelle prime parole del premier ha parlato di ristori alle imprese colpite, ha rassicurato sul Natale e sulla possibilità della quasi normalità, si capisce l'affanno di questa gente che non ha programmi su una possibile via di uscita. Oltre a provvedimenti assurdi, non hanno altro. Dopo che in piena emergenza, hanno badato alla diffusione di monopattini, banchi a rotelle, bonus vacanze e viaggi. Oggi richiudono scaricando la colpa sulla massa che nemmeno loro riescono a gestire. Non è la sanità pubblica che necessita investimenti, perché i numeri li sbagliano, non sono quelli. Piuttosto c'era bisogno di prudenza, proprio come le piccole imprese, che tentano di restare in equilibrio. È da rendersi conto che fare cadere un governo in questa situazione è drammatico, ma bisogna decidere presto, se s