Passa ai contenuti principali

CULTURA ED ATTUALITA' 2a PARTE

PRIMA PARTE pubblicata qui il 03/11/2019 I mali della cultura. L’interesse e le lobby? Come ho scritto più o meno all’inizio di questo scritto, il maggior nemico della cultura è l’interesse. Come penso, di aver dimostrato fin qui, la controcultura, sottoforma di protesta, si è manifestata nel novecento, contro le più svariate forme di potere. Ma il potere è caratterizzato da una serie innumerevole di poteri, da cui dipendono le influenze in società delle lobby. Potere e Lobby Gay Il potere per salvaguardare lo status quo e conservarsi ha l’obbligo di mistificare la realtà, creare disordine, sradicare l’uomo dalla società, manipolare l’informazione, ma soprattutto limitare il pensiero dell’opinione pubblica attraverso un linguaggio fondato sul dualismo politico, morale ed estetico. Amico/nemico, destra/sinistra, bene/male, bello/brutto, buono/cattivo. Come se tutto potesse essere etichettato e messo in un catalogo, il quale in fin dei conti altro non è che il “pensiero unico”, la “doxa”, la “neolingua” (termine inventato da George Orwell nel libro “1984”) con la quale il Potere legittima i suoi progetti rivoluzionari. Il Potere. Quei corpi intermediari che bypassano le urne, il popolo, la vox populi, inserendosi illegittimamente, senza consenso, nella macchina statale influenzandola, orientandola unicamente per interesse comunitario. Questo processo oligarchico si sta manifestando irreversibilmente, in maniera subdola e allo stesso tempo evidente nei Paesi che stanno lentamente accettando i diktat della “Lobby Lgbt” (lesbiche, gay, bisessuali e trasgender). Prendiamo l’esempio della Francia, l’ultima post-nazione ad aver legiferato a favore del matrimonio per tutti” (che implica anche l’adozione), una riforma che di fatto andrebbe a modificare il codice civile. La “neolingua” sistemica definisce “omofobo” chiunque manifesti una posizione in difesa della salvaguardia del valore matrimoniale tra l’uomo e la donna come unione atta a procreare e difendere la perennità dell’umanità. Come se gli omosessuali fossero tutti d’accordo poiché, secondo la “doxa”, un “omofobo” non potrebbe essere omosessuale se no andrebbe contro la sua stessa natura. Ed è proprio qui che entra in gioco il Potere con i suoi corpi intermediari, provocando fenomeni manipolati ed isterici come il “gay pride”. Perché manipolati ed isterici? Perché le nozze gay – paradosso straordinario tra l’altro perché queste persone vogliono che la loro diversità sia accettata attraverso un’istituzione, il matrimonio, che li rende poi uguali agli altri (!?) - non rappresentano un valore universale, condiviso da tutti gli omosessuali, bensì è solo un’emanazione dall’alto. Per dimostrare l’esposizione suddetta e uscire dalla manipolazione è necessario illustrare un esempio concreto. Da quando la “lobby gay” francese ed internazionale ha fatto pressione sul governo e l’opposizione francese è nato in Oltralpe un collettivo che rappresenta una parte degli omosessuali del Paese, Homovox, che ha aderito a tutte le manifestazioni colossali organizzate a Parigi. Il gruppo Homovox sostiene infatti che il progetto di legge “il matrimonio per tutti” è una manovra della “comunità Lgbt”, auto-proclamatasi unica rappresentante della collettività gay, dichiarando apertamente che la coppia omosessuale è diversa da quella eterosessuale per il semplice fatto che la prima non può procreare. In conclusione chiedendo una forma di unione specifica che non sia il matrimonio (ad esempio i Pacs) e ritenendo allo stesso tempo che i bambini senza genitori debbano avere un padre e una madre, possibilmente biologici. Ora, esempio alla mano: quale valore ha la parola “omofobo”? Comunque gli orientamenti sessuali appartengono alla vita privata ed alla sfera intima. La categoria omosessuale viene considerata oggi, direi, una categoria protetta. Anacronistico è l’accoppiamento tra uomo e donna. La cultura celebra quasi il mito dell’omosessuale. Film, sceneggiati e storie che raccontano di outing o di conversioni gay. Vero trionfo della maturità civile, del progresso. Se fossi gay, mi ribellerei a sentirmi trattato come un malato, un debole, un appartenente ad una specie protetta. Mi urterebbe tutta questa retorica, manderei a quel paese tutti coloro che si professano tutori dell’omosessualità. (continua..) Estratto dal libro Sine Contracultura

Commenti

Post popolari in questo blog

E' ARRIVATO IL NUOVO MESSIAH

  “La luce ha vinto e tutti i progressi del male del Mondo mai potranno cambiare il corso delle cose. Il solstizio d’inverno, il sole di natale, la luce invitta, aprono una speranza per gli uomini affranti da paura, timori e futuro incerto”. Sono parole di riflessione di Joseph Ratzinger espresse agli inizi degli anni sessanta, all’epoca poco più che trentenne. Per molti sono parole profetiche, in realtà si possono ritenere “da copione” per il finale di un film sulla pandemia attuale. Ammesso che si possa intravedere un finale alla situazione. Arriva il nuovo Messia, nei giorni in cui ricorre la nascita dell’ultimo messia mostratosi sulla terra, ma questa volta appare a noi, non più come uomo, ma in forma liquida. Esattamente come la società attuale, intesa da Zygmunt Bauman. Il progetto è lo stesso, duemila anni fa si diffondeva la parola di Cristo. Oggi si diffonde il vaccino della Pfizer, santificato dai media come soluzione salvifica, potrebbe però rivelarsi soluzione fisiologi

L’ATTUALITA’ DI GIORDANO BRUNO. L’INFINITO CREATIVO E DIALETTICO COME ALTERNATIVA AL PENSIERO UNICO

Nella sua concezione filosofica il pensatore nolano traccia le linee di un superamento della ideologia tradizionale occidentale, espandendo il centro spirituale sino agli estremi della infinita molteplicità del tutto. Nei Dialoghi Italiani Giordano Bruno rovescia e ribalta la tradizione medievale neoplatonico-aristotelica, introducendo il concetto dell’infinito creativo e dialettico. In questa maniera egli propone una concezione etico-politica e religiosa rivoluzionaria, che scardina l’architrave della tradizione ideologica occidentale: la concezione dell’Uno, necessario e d’ordine, assolutamente chiuso e riduttivo. Perché di rivoluzione si tratta. La modernità si aprirà dopo Bruno cercando infatti di negare la possibilità indicata dal pensatore nolano, attuando una doppia linea di sviluppo: una nuova tradizione metafisica dell’oggettività ed una nuova tradizione metafisica della soggettività. Cercheranno infatti di sovrapporsi allo spazio immaginativo e razionale offerto dal presupp

LA REPUBBLICA DI UNO STATO SCONFITTO

Il 2 giugno 1946, nacque una repubblica di uno Stato, che non aveva convinzione. Quella convinzione è giunta sino ad oggi, manifestandosi nel malaffare, nella giustizia politicizzata. Oggi si fa presto a dire Repubblica. E si fa presto anche a dire democrazia e poi libertà, popolo e Costituzione., Tutti questi termini appaiono scontati alle nuove generazioni. Abitudini quotidiane il cui vero significato è, di fatto, sconosciuto. A essi ci si è fatta l’abitudine. Così come si fa l’abitudine al lavoro della Magistratura di una Repubblica di uno Stato debole come il nostro. Duecentosettantaquattro anni, è la somma di tutte le pene commisurate ai responsabili del disastro ambientale creato a Taranto, con l’Ilva. Imprenditori, dirigenti ed amministratori locali, tutti coinvolti. Così, ci si divide, come sempre, sulla colpevolezza o la presunta innocenza dei condannati. Ma se analizziamo le misure singole, la più alta condanna è di ventidue anni. Tre in meno della pena contrattata da Giov