Passa ai contenuti principali

STORIA DEL BACIO

Per molte culture è l'inalazione dell'anima, per altre è il nutrimento corporeo. Ma perché baciamo? Da cosa nasce questo impulso? Qual è la sua origine? Beh, a questa domanda nessuno sa dare una risposta certa e biologi, etologi, antropologi hanno cercato in tutti i modi di fornire spiegazioni in merito ma senza riuscire a trovare una soluzione certa. Come è nato il bacio? Perché ad un certo punto ci si è iniziati a baciare? La curiosità è venuta a Sheril Kirshenbaum, giornalista scientifica, che ha voluto indagare sul significato evolutivo del bacio servendosi della biologia, dell'antropologia, delle neuroscienze e della psicologia. Prima di tutto si può iniziare con il dire che non solo gli esseri umani si baciano come erroneamente ipotizzato da Darwin. Esistono infatti delle attività degli animali che sono paragonabili al nostro gesto del bacio: i gatti si leccano il pelo, le giraffe intrecciano i colli, le talpe strofinano il muso, le tartarughe si danno dei colpi con la testa, i criceti si mettono faccia a faccia. Questo solo per citare alcuni esempi più noti. Ma il motivo per cui gli esseri umani abbiano deciso di scambiarsi i baci ancora non è chiaro. Il neuroscienziato Vilayanur S. Ramachandran ha proposto un'affascinante teoria che parte da molto lontano cioè da quando i nostri antenati, dopo aver imparato ad individuare i frutti rossi tra la vegetazione per soddisfare la fame e il palato, hanno applicato lo stesso procedimento sul corpo delle donne, trovando il rosso nella zona genitale e nella bocca. Desmond Morris invece collega la sensazione di benessere alla fase dell'allattamento. Mentre una terza teoria ipotizza che il bacio sia collegato alla premasticazione, metodo usato per svezzare i bambini. Poi sono stati fatti anche studi sul modo in cui si bacia e se esiste una relazione tra la mano con la quale scriviamo e il fatto di inclinare la testa proprio da quel lato mentre si bacia. Ma si è capito che è tutto molto casuale e che le uniche certezze anatomiche sono date dal fatto che lo zygomaticus major, lo zygomaticos minor e il levator labii superior sollevano il labbro superiore, mentre il depressor anguli oris e il depressor labii inferioris spostano quello inferiore. E poi tutto il resto viene fatto da terminazioni nervose e impulsi neurali che producono ormoni come la dopamina, ossitocina e serotonina. E tutto ciò provocherà le sensazioni piacevoli provate, grazie soprattutto all'adrenalina rilasciata. Una curiosità diffusa dai biologi, e che farà inorridire la maggior parte di coloro che la leggeranno, deriva da una ricerca americana degli anni Cinquanta: due individui che si baciano nelle ultime file di un drive-in si scambiano 278 colonie di batteri, il 95% dei quali ovviamente innocui, e questo deriva dal fatto che la nostra saliva contiene cento milioni di germi al centimetro cubo. La Kirshenbaum ha anche chiesto aiuto ai neuroscienziati cognitivi per capire, attraverso la scansione celebrale tramite una magnetoencefalografia, se quando vengono mostrate le fotografie di baci ad alcuni volontari, il loro cervello ha delle reazioni: ma i risultati sono stati irrilevanti. Insomma c'è ancora grande mistero intorno al bacio e forse proprio questo è il bello: non bisogna trovare troppe spiegazioni per una cosa così bella!

Commenti

Post popolari in questo blog

CULTURA ED ATTUALITA' 2a PARTE

PRIMA PARTE pubblicata qui il 03/11/2019 I mali della cultura. L’interesse e le lobby? Come ho scritto più o meno all’inizio di questo scritto, il maggior nemico della cultura è l’interesse. Come penso, di aver dimostrato fin qui, la controcultura, sottoforma di protesta, si è manifestata nel novecento, contro le più svariate forme di potere. Ma il potere è caratterizzato da una serie innumerevole di poteri, da cui dipendono le influenze in società delle lobby. Potere e Lobby Gay Il potere per salvaguardare lo status quo e conservarsi ha l’obbligo di mistificare la realtà, creare disordine, sradicare l’uomo dalla società, manipolare l’informazione, ma soprattutto limitare il pensiero dell’opinione pubblica attraverso un linguaggio fondato sul dualismo politico, morale ed estetico. Amico/nemico, destra/sinistra, bene/male, bello/brutto, buono/cattivo. Come se tutto potesse essere etichettato e messo in un catalogo, il quale in fin dei conti altro non è che il “pensiero unico”, la “

OGGI È ATTACCO AL VINO, IERI ALLA PROPRIETÀ. E DOMANI...

  I salutisti dell’Unione europea tornano alla carica con un’altra battaglia: quella contro il vino. A fare da apripista è stata l’Irlanda, che potrà dunque applicare sugli alcolici un’etichetta con scritto “il consumo di alcol provoca malattie del fegato” oppure “alcol e tumori mortali sono direttamente collegati”. O più direttamente "il vino provoca il cancro". Secondo i dati di Alcohol Action Ireland, il consumo di alcol puro pro capite tra chi ha più di 15 anni è stato di 10,07 litri nel 2020, che corrisponde a poco meno di 40 bottiglie di vodka, 113 bottiglie di vino o 436 pinte di birra e supera del 40% il livello di consumo indicato dalle linee guida dell’agenzia governativa Health Service Executive (HSE). Quindi l'Irlanda, attraverso il silenzio assenso della Commissione Europea, con questo provvedimento, crede sul serio di combattere l'abuso di alcol? Perché i dati sopra elencati chiariscono e permettono di affermare che siamo in presenza di un eccesso di uti

LA CONTROPRODUCENTE GIORNATA MONDIALE CONTRO LA VIOLENZA SULLE DONNE

  E' sempre con profonda amarezza che osservo la celebrazione di giornate come questa, accanto a tutto il carico di ipocrisia politicamente corretta che ci viene propagandata mediaticamente, tra chi si tinge il viso di rosso, cariche istituzionali che si prestano a questo giochino, dichiarazioni banali e scontate e via dolcificando l'opinione pubblica. Nel momento in cui una donna accetta di celebrare una giornata mondiale dedicata alla violenza sulle donne, crea la stessa categorizzazione di cui poi sarà vittima perchè è evidente che se si condanna la violenza soltanto verso un genere, si sta implicitamente affermando che l'altro genere non merita tutele, ottenendo come unico risultato di scatenare un focolaio di maschilismo reattivo antifemminista. Ed è attraverso la strumentalizzazione di tragedie che vedono vittima una donna e di cui è colpevole un uomo non in quanto maschio ma in quanto persona prepotente - e la prepotenza non è una caratteristica di genere ma di speci