Passa ai contenuti principali

LE BALLE ECOLOGICHE E LE FISIME MENTALI

Questa foto è emblema di una mega balla. Il simbolo della salvaguardia della terra, la dea della salvezza del mondo, accanto ad una bottiglia di plastica. Ma come!!! Io farei arrestare con un mandato internazionale i genitori di Greta Thunberg. È una ragazzina che ha problemi. Ha un disturbo mentale che la porta ad avere una fissa. Mi fa pena. I maggiori artefici di questo costrutto sono proprio i suoi genitori, famosi in Svezia, lui attore e lei direttore musicale, che le hanno cucito addosso questo personaggio. Con queste fisime mentali. Il riscaldamento è un problema che non esiste. Che è pura invenzione. Un problema che ha progetti troppo costosi. La natura è ciclica. E nessuno può fare nulla. Tanto meno una ragazzina messa lì apposta perché malata. Cambiare stile di vita per salvare il mondo, significa vivere in case ecocompatibili con mura inspessite. Doppi vetri. Tetti tinti di bianco con pannelli solari. Praticamente si fa prima se si va tutti ad Alberobello nei trulli. Significa mangiare carne sintetica ed insetti per non fare più scorreggiare i bovini da allevamento che producono gas serra. Significa essere sempre più vegani per evitare di mangiare latte uova e derivati. Significa che entro il 2020, termine ultimo per iniziare a salvare la terra a detta dei più, necessitano 1,5 trilioni di dollari per finanziare i progetti ecosostenibili. Ed ai milioni di poveri nel mondo chi ci pensa. Come possono loro vivere in questo modo. Quindi tutte balle. In Italia non stiamo messi meglio. Qualcuno ha azzardato un'analisi al profilo psicologico del Premier, colpito anche lui dalla svolta ecologico salutista e deciso a tassare le merendine e le bibite. Per proteggere il futuro dei nostri bambini. Mi viene da chiedere quando e come tasseranno le nostre puzzette.

Commenti

Post popolari in questo blog

CULTURA ED ATTUALITA' 2a PARTE

PRIMA PARTE pubblicata qui il 03/11/2019 I mali della cultura. L’interesse e le lobby? Come ho scritto più o meno all’inizio di questo scritto, il maggior nemico della cultura è l’interesse. Come penso, di aver dimostrato fin qui, la controcultura, sottoforma di protesta, si è manifestata nel novecento, contro le più svariate forme di potere. Ma il potere è caratterizzato da una serie innumerevole di poteri, da cui dipendono le influenze in società delle lobby. Potere e Lobby Gay Il potere per salvaguardare lo status quo e conservarsi ha l’obbligo di mistificare la realtà, creare disordine, sradicare l’uomo dalla società, manipolare l’informazione, ma soprattutto limitare il pensiero dell’opinione pubblica attraverso un linguaggio fondato sul dualismo politico, morale ed estetico. Amico/nemico, destra/sinistra, bene/male, bello/brutto, buono/cattivo. Come se tutto potesse essere etichettato e messo in un catalogo, il quale in fin dei conti altro non è che il “pensiero unico”, la “

CONTRO IL DIRIGISMO TRANSUMANISTA

 L’Unione Europea, a partire dalla crisi economica globale del 2008 ha sempre fatto il possibile per farsi detestare, in Italia e in moltissime altre nazioni del continente. Occorre dire che la gestione di diverse rispettive classi dirigenti nazionali, fra incolmabili debiti pubblici e una crescita economica pari a zero, ha permesso all’Ue di manifestarsi più come una matrigna che mal sopporta i propri figliastri che come una mamma, magari severa quando serve, ma giusta nei confronti di tutti i suoi figli. Non a caso, sono poi cresciuti partiti e movimenti euroscettici in più Paesi europei, la Brexit è divenuta realtà e tutt’oggi alcuni governi nazionali, come quello ungherese e quello polacco, sono spesso in contrasto con le Istituzioni comunitarie. Del resto, Bruxelles, si direbbe, andrebbe ringraziata, con tanto di servile inchino, per i soldi del Pnrr. Intanto, è bene ricordare come il denaro del Recovery Fund non rappresenta affatto un regalo compassionevole, essendo composto, in

LA CONTROPRODUCENTE GIORNATA MONDIALE CONTRO LA VIOLENZA SULLE DONNE

  E' sempre con profonda amarezza che osservo la celebrazione di giornate come questa, accanto a tutto il carico di ipocrisia politicamente corretta che ci viene propagandata mediaticamente, tra chi si tinge il viso di rosso, cariche istituzionali che si prestano a questo giochino, dichiarazioni banali e scontate e via dolcificando l'opinione pubblica. Nel momento in cui una donna accetta di celebrare una giornata mondiale dedicata alla violenza sulle donne, crea la stessa categorizzazione di cui poi sarà vittima perchè è evidente che se si condanna la violenza soltanto verso un genere, si sta implicitamente affermando che l'altro genere non merita tutele, ottenendo come unico risultato di scatenare un focolaio di maschilismo reattivo antifemminista. Ed è attraverso la strumentalizzazione di tragedie che vedono vittima una donna e di cui è colpevole un uomo non in quanto maschio ma in quanto persona prepotente - e la prepotenza non è una caratteristica di genere ma di speci