Passa ai contenuti principali

ODIO PATRIO AMOR ESTEROFILO

Nel panorama intellettuale italiano imperversa, ormai da tempo, una inclinazione ad accettare tutto quello che non presenta alcun legame culturale con l’Italia. E addirittura si ritrova in contrasto con quasi tutto il bagaglio intellettuale nazionale. Mediante il principio secondo cui la classe intellettuale dominante riversa la sua visione del mondo sulla massa sottoposta, impegnandosi attraverso “dogmi”, a rendere la società intrisa ed imbevuta di esterofilia colorata. Attraverso la diffusione dei mezzi di comunicazione di massa, è cresciuta in modo esponenziale la quantità di nozioni assimilabili da parte dei cittadini. Altrettanto è scesa la capacità di mettere in discussione i dogmi del pensiero. La matrice di tutto questo è da ricercare nella categoria degli intellettuali odierni, considerati formatori del pensiero comune. Giornalisti, politici, cantanti, attori, artisti chiunque abbia ascendente forte sulla massa, partecipa ad un processo di svilimento della cultura nazionale e del sentimento patrio. Prende sempre più piede nelle coscienze italiane, che solo ciò che è al di fuori dei confini può essere considerato portatore sano di progresso e apertura mentale. Si insedia così nell’opinione pubblica il concetto di esterofilia dilagante. Al contrario, qualsiasi cosa che rimanga parvente legata alla tradizione culturale italiana viene marchiata come bigotta ed arretrata intellettualmente. Si è ad un passo dal disfattismo. Un motivo che rende meglio l’idea disfattista è data dal comparto lessicale, dove si evince che la lingua italiana sia abbastanza incline ad accogliere termini e modi di dire di altri paesi. Con il consenso e lo sfoggio lessicale, al contempo, di giornalisti ed intellettuali, compiaciuti nel trasformare il lessico nazionale, in favore di un culturame internazionale non meglio identificato. Lo svilimento ovviamente non riguarda solo l’esempio precedente, ma si potrebbe allargare ad altri campi, come ad esempio l’arte. E’ in giro da tempo la Van Gogh The Alive Experience. Con tappa italiana in un ex teatro di una città del Sud, riaperto dopo circa 40 anni, per la prima volta sotto la veste inedita di spazio espositivo. Proiettare sulle pareti, seppur enormi, delle immagini, può valere l’emozione di poter essere davanti al quadro vero dell’artista che lo ha disegnato? Tutto ciò può benissimo contribuire allo svilimento fin qui chiacchierato. La politica non è da meno. Il ruolo e la professionalità del politico si è spalmata come la nutella su una fetta di pane. Un tempo il politico era specchio della società. E svolgeva l’arte del discutere, quale è la politica, in modo impegnativo e del tutto istituzionale. Che misera roba si è ridotta oggi se un messaggio che si ritenga politico è mostrarsi con la Nutella e il messaggio opposto è mostrarsi indignati. Complice è quella esterofila mania di postare ogni foto in un oltremondo digitale, ma pubblico. E’ forte la necessità di un riordino intellettuale. E’ necessario un ruolo che abbia il dovere di raccogliere e coinvolgere energie nazionali, specie forze fresche, verso interessi comuni nazionali, individuati e condivisi. Con il compito di restaurare un sentimento nazionale e rafforzare l’ego degli italiani, ormai perso nel piattume della massa globale.

Commenti

Post popolari in questo blog

OGGI È ATTACCO AL VINO, IERI ALLA PROPRIETÀ. E DOMANI...

  I salutisti dell’Unione europea tornano alla carica con un’altra battaglia: quella contro il vino. A fare da apripista è stata l’Irlanda, che potrà dunque applicare sugli alcolici un’etichetta con scritto “il consumo di alcol provoca malattie del fegato” oppure “alcol e tumori mortali sono direttamente collegati”. O più direttamente "il vino provoca il cancro". Secondo i dati di Alcohol Action Ireland, il consumo di alcol puro pro capite tra chi ha più di 15 anni è stato di 10,07 litri nel 2020, che corrisponde a poco meno di 40 bottiglie di vodka, 113 bottiglie di vino o 436 pinte di birra e supera del 40% il livello di consumo indicato dalle linee guida dell’agenzia governativa Health Service Executive (HSE). Quindi l'Irlanda, attraverso il silenzio assenso della Commissione Europea, con questo provvedimento, crede sul serio di combattere l'abuso di alcol? Perché i dati sopra elencati chiariscono e permettono di affermare che siamo in presenza di un eccesso di uti

CONTRO IL DIRIGISMO TRANSUMANISTA

 L’Unione Europea, a partire dalla crisi economica globale del 2008 ha sempre fatto il possibile per farsi detestare, in Italia e in moltissime altre nazioni del continente. Occorre dire che la gestione di diverse rispettive classi dirigenti nazionali, fra incolmabili debiti pubblici e una crescita economica pari a zero, ha permesso all’Ue di manifestarsi più come una matrigna che mal sopporta i propri figliastri che come una mamma, magari severa quando serve, ma giusta nei confronti di tutti i suoi figli. Non a caso, sono poi cresciuti partiti e movimenti euroscettici in più Paesi europei, la Brexit è divenuta realtà e tutt’oggi alcuni governi nazionali, come quello ungherese e quello polacco, sono spesso in contrasto con le Istituzioni comunitarie. Del resto, Bruxelles, si direbbe, andrebbe ringraziata, con tanto di servile inchino, per i soldi del Pnrr. Intanto, è bene ricordare come il denaro del Recovery Fund non rappresenta affatto un regalo compassionevole, essendo composto, in

LA CONTROPRODUCENTE GIORNATA MONDIALE CONTRO LA VIOLENZA SULLE DONNE

  E' sempre con profonda amarezza che osservo la celebrazione di giornate come questa, accanto a tutto il carico di ipocrisia politicamente corretta che ci viene propagandata mediaticamente, tra chi si tinge il viso di rosso, cariche istituzionali che si prestano a questo giochino, dichiarazioni banali e scontate e via dolcificando l'opinione pubblica. Nel momento in cui una donna accetta di celebrare una giornata mondiale dedicata alla violenza sulle donne, crea la stessa categorizzazione di cui poi sarà vittima perchè è evidente che se si condanna la violenza soltanto verso un genere, si sta implicitamente affermando che l'altro genere non merita tutele, ottenendo come unico risultato di scatenare un focolaio di maschilismo reattivo antifemminista. Ed è attraverso la strumentalizzazione di tragedie che vedono vittima una donna e di cui è colpevole un uomo non in quanto maschio ma in quanto persona prepotente - e la prepotenza non è una caratteristica di genere ma di speci