Passa ai contenuti principali

ODIO PATRIO AMOR ESTEROFILO

Nel panorama intellettuale italiano imperversa, ormai da tempo, una inclinazione ad accettare tutto quello che non presenta alcun legame culturale con l’Italia. E addirittura si ritrova in contrasto con quasi tutto il bagaglio intellettuale nazionale. Mediante il principio secondo cui la classe intellettuale dominante riversa la sua visione del mondo sulla massa sottoposta, impegnandosi attraverso “dogmi”, a rendere la società intrisa ed imbevuta di esterofilia colorata. Attraverso la diffusione dei mezzi di comunicazione di massa, è cresciuta in modo esponenziale la quantità di nozioni assimilabili da parte dei cittadini. Altrettanto è scesa la capacità di mettere in discussione i dogmi del pensiero. La matrice di tutto questo è da ricercare nella categoria degli intellettuali odierni, considerati formatori del pensiero comune. Giornalisti, politici, cantanti, attori, artisti chiunque abbia ascendente forte sulla massa, partecipa ad un processo di svilimento della cultura nazionale e del sentimento patrio. Prende sempre più piede nelle coscienze italiane, che solo ciò che è al di fuori dei confini può essere considerato portatore sano di progresso e apertura mentale. Si insedia così nell’opinione pubblica il concetto di esterofilia dilagante. Al contrario, qualsiasi cosa che rimanga parvente legata alla tradizione culturale italiana viene marchiata come bigotta ed arretrata intellettualmente. Si è ad un passo dal disfattismo. Un motivo che rende meglio l’idea disfattista è data dal comparto lessicale, dove si evince che la lingua italiana sia abbastanza incline ad accogliere termini e modi di dire di altri paesi. Con il consenso e lo sfoggio lessicale, al contempo, di giornalisti ed intellettuali, compiaciuti nel trasformare il lessico nazionale, in favore di un culturame internazionale non meglio identificato. Lo svilimento ovviamente non riguarda solo l’esempio precedente, ma si potrebbe allargare ad altri campi, come ad esempio l’arte. E’ in giro da tempo la Van Gogh The Alive Experience. Con tappa italiana in un ex teatro di una città del Sud, riaperto dopo circa 40 anni, per la prima volta sotto la veste inedita di spazio espositivo. Proiettare sulle pareti, seppur enormi, delle immagini, può valere l’emozione di poter essere davanti al quadro vero dell’artista che lo ha disegnato? Tutto ciò può benissimo contribuire allo svilimento fin qui chiacchierato. La politica non è da meno. Il ruolo e la professionalità del politico si è spalmata come la nutella su una fetta di pane. Un tempo il politico era specchio della società. E svolgeva l’arte del discutere, quale è la politica, in modo impegnativo e del tutto istituzionale. Che misera roba si è ridotta oggi se un messaggio che si ritenga politico è mostrarsi con la Nutella e il messaggio opposto è mostrarsi indignati. Complice è quella esterofila mania di postare ogni foto in un oltremondo digitale, ma pubblico. E’ forte la necessità di un riordino intellettuale. E’ necessario un ruolo che abbia il dovere di raccogliere e coinvolgere energie nazionali, specie forze fresche, verso interessi comuni nazionali, individuati e condivisi. Con il compito di restaurare un sentimento nazionale e rafforzare l’ego degli italiani, ormai perso nel piattume della massa globale.

Commenti

Post popolari in questo blog

LA REPUBBLICA DI UNO STATO SCONFITTO

Il 2 giugno 1946, nacque una repubblica di uno Stato, che non aveva convinzione. Quella convinzione è giunta sino ad oggi, manifestandosi nel malaffare, nella giustizia politicizzata. Oggi si fa presto a dire Repubblica. E si fa presto anche a dire democrazia e poi libertà, popolo e Costituzione., Tutti questi termini appaiono scontati alle nuove generazioni. Abitudini quotidiane il cui vero significato è, di fatto, sconosciuto. A essi ci si è fatta l’abitudine. Così come si fa l’abitudine al lavoro della Magistratura di una Repubblica di uno Stato debole come il nostro. Duecentosettantaquattro anni, è la somma di tutte le pene commisurate ai responsabili del disastro ambientale creato a Taranto, con l’Ilva. Imprenditori, dirigenti ed amministratori locali, tutti coinvolti. Così, ci si divide, come sempre, sulla colpevolezza o la presunta innocenza dei condannati. Ma se analizziamo le misure singole, la più alta condanna è di ventidue anni. Tre in meno della pena contrattata da Giov

L'INCAPACITÀ DI SAPER LEGGERE IL MONDO

Nel capitolo 19 de “Il Regno della Quantità e i Segni dei Tempi” – “I limiti della storia e della geografia” René Guénon spiega in che senso gli storici moderni non possono essere considerati affidabili quando parlano dei tempi passati e degli uomini che vi hanno vissuto. Essi, quando consultano le fonti storiche, ma anche quando analizzano reperti archeologici oppure opere d’arte, lo fanno con i filtri dei loro limiti intellettuali. Essi hanno perciò difficoltà a penetrare la mentalità degli uomini antichi, e spesso gli attribuiscono motivazioni del tutto moderne. Non solo, ma l’uomo antico aveva facoltà che l’uomo moderno ha perduto, e cercare di comprenderlo sarebbe come se un cieco cercasse di capire cosa sono i colori. Come se ciò non bastasse, essi non prendono in considerazione l’idea che il mondo stesso cambi con il passare del tempo, e certe cose che oggi sono impossibili un tempo non lo fossero. Tutte le volte che si trovano di fronte ad eventi che non sono in grado di spie

MORTE SU STRADA

A dimostrazione che non sempre muoiono i migliori, giunge notizia che Gino Strada sia giunto alla fine del cammino. A quanti ne piangono la morte, va il mio rispetto, piangono l'uomo capace di fondare Emergency, di creare tanti ospedali da campo, di aver dato asilo agli ultimi, ai disperati, ai malati. Ogni uomo ha la sua Storia, il suo vissuto e quasi mai ciò che si vede è. L'uomo ha un passato da picchiatore, massacratore comunista, tanto per dare il senso giusto alle parole, e il giusto peso alle azioni; l'uomo ha un nome di battaglia come tutti gli eroi "partigiani", perché è di un partigiano che parliamo ,nel senso più letterale del termine: di parte. L'uomo chiamato "chiave inglese" era quello che forte dell'assistenza di altri 9/10 criminali come lui, assaltava il primo Missino o presunto tale, ed a colpi di chiave inglese appunto, lo mandava all'ospedale, a volte in coma, a volte con traumi irreversibili a volte all'obitorio, co