Passa ai contenuti principali

ODIO PATRIO AMOR ESTEROFILO

Nel panorama intellettuale italiano imperversa, ormai da tempo, una inclinazione ad accettare tutto quello che non presenta alcun legame culturale con l’Italia. E addirittura si ritrova in contrasto con quasi tutto il bagaglio intellettuale nazionale. Mediante il principio secondo cui la classe intellettuale dominante riversa la sua visione del mondo sulla massa sottoposta, impegnandosi attraverso “dogmi”, a rendere la società intrisa ed imbevuta di esterofilia colorata. Attraverso la diffusione dei mezzi di comunicazione di massa, è cresciuta in modo esponenziale la quantità di nozioni assimilabili da parte dei cittadini. Altrettanto è scesa la capacità di mettere in discussione i dogmi del pensiero. La matrice di tutto questo è da ricercare nella categoria degli intellettuali odierni, considerati formatori del pensiero comune. Giornalisti, politici, cantanti, attori, artisti chiunque abbia ascendente forte sulla massa, partecipa ad un processo di svilimento della cultura nazionale e del sentimento patrio. Prende sempre più piede nelle coscienze italiane, che solo ciò che è al di fuori dei confini può essere considerato portatore sano di progresso e apertura mentale. Si insedia così nell’opinione pubblica il concetto di esterofilia dilagante. Al contrario, qualsiasi cosa che rimanga parvente legata alla tradizione culturale italiana viene marchiata come bigotta ed arretrata intellettualmente. Si è ad un passo dal disfattismo. Un motivo che rende meglio l’idea disfattista è data dal comparto lessicale, dove si evince che la lingua italiana sia abbastanza incline ad accogliere termini e modi di dire di altri paesi. Con il consenso e lo sfoggio lessicale, al contempo, di giornalisti ed intellettuali, compiaciuti nel trasformare il lessico nazionale, in favore di un culturame internazionale non meglio identificato. Lo svilimento ovviamente non riguarda solo l’esempio precedente, ma si potrebbe allargare ad altri campi, come ad esempio l’arte. E’ in giro da tempo la Van Gogh The Alive Experience. Con tappa italiana in un ex teatro di una città del Sud, riaperto dopo circa 40 anni, per la prima volta sotto la veste inedita di spazio espositivo. Proiettare sulle pareti, seppur enormi, delle immagini, può valere l’emozione di poter essere davanti al quadro vero dell’artista che lo ha disegnato? Tutto ciò può benissimo contribuire allo svilimento fin qui chiacchierato. La politica non è da meno. Il ruolo e la professionalità del politico si è spalmata come la nutella su una fetta di pane. Un tempo il politico era specchio della società. E svolgeva l’arte del discutere, quale è la politica, in modo impegnativo e del tutto istituzionale. Che misera roba si è ridotta oggi se un messaggio che si ritenga politico è mostrarsi con la Nutella e il messaggio opposto è mostrarsi indignati. Complice è quella esterofila mania di postare ogni foto in un oltremondo digitale, ma pubblico. E’ forte la necessità di un riordino intellettuale. E’ necessario un ruolo che abbia il dovere di raccogliere e coinvolgere energie nazionali, specie forze fresche, verso interessi comuni nazionali, individuati e condivisi. Con il compito di restaurare un sentimento nazionale e rafforzare l’ego degli italiani, ormai perso nel piattume della massa globale.

Commenti

Post popolari in questo blog

E' ARRIVATO IL NUOVO MESSIAH

  “La luce ha vinto e tutti i progressi del male del Mondo mai potranno cambiare il corso delle cose. Il solstizio d’inverno, il sole di natale, la luce invitta, aprono una speranza per gli uomini affranti da paura, timori e futuro incerto”. Sono parole di riflessione di Joseph Ratzinger espresse agli inizi degli anni sessanta, all’epoca poco più che trentenne. Per molti sono parole profetiche, in realtà si possono ritenere “da copione” per il finale di un film sulla pandemia attuale. Ammesso che si possa intravedere un finale alla situazione. Arriva il nuovo Messia, nei giorni in cui ricorre la nascita dell’ultimo messia mostratosi sulla terra, ma questa volta appare a noi, non più come uomo, ma in forma liquida. Esattamente come la società attuale, intesa da Zygmunt Bauman. Il progetto è lo stesso, duemila anni fa si diffondeva la parola di Cristo. Oggi si diffonde il vaccino della Pfizer, santificato dai media come soluzione salvifica, potrebbe però rivelarsi soluzione fisiologi

QUEL CHE E' STATO DELLA RAGION DI STATO

Come 42 anni fa, lo Stato ha sbagliato ancora. Quest’ultima parola sottolinea come lo sbaglio sia una costante in questo spazio temporale intercorso dall’assassinio di Aldo Moro alla Liberazione di Silvia Romano. Dal 9 maggio al 10 maggio passa un giorno lungo più di quattro decenni, in cui è racchiusa la fragilità di un paese ridotto alla canna del gas, in confusione oggi come allora, in cui si sono alternati almeno due ventenni contrassegnati da diverse forme di socialismo. Di fatto quella svolta che avrebbe voluto dare il presidente Moro all’Italia, lui in qualche modo l’ha data, non l’ha vista in tutte le sue sfaccettature. Probabilmente non avrebbe mai voluto andasse così. Allora dovevano vincere le istituzioni ed hanno vinto le brigate rosse. Lo dimostra il fatto che oggi, i carcerieri del presidente sono tutti liberi. Lo Stato avrebbe dovuto condurre una trattativa, doveva fare politica, perché di quello si trattava. Allora è prevalsa la Ragion di Stato, con la buona morte d

IL PIANO INCLINATO OVVERO IL PROGRAMMA SCIAGURATO DI QUESTO GOVERNO

Si rotola su di un piano inclinato, dove non si vede mai quando termina, in modo da poter crollare a terra. Almeno così ci possiamo rialzare. Dalle promesse del governo, che subito, nelle prime parole del premier ha parlato di ristori alle imprese colpite, ha rassicurato sul Natale e sulla possibilità della quasi normalità, si capisce l'affanno di questa gente che non ha programmi su una possibile via di uscita. Oltre a provvedimenti assurdi, non hanno altro. Dopo che in piena emergenza, hanno badato alla diffusione di monopattini, banchi a rotelle, bonus vacanze e viaggi. Oggi richiudono scaricando la colpa sulla massa che nemmeno loro riescono a gestire. Non è la sanità pubblica che necessita investimenti, perché i numeri li sbagliano, non sono quelli. Piuttosto c'era bisogno di prudenza, proprio come le piccole imprese, che tentano di restare in equilibrio. È da rendersi conto che fare cadere un governo in questa situazione è drammatico, ma bisogna decidere presto, se s