Passa ai contenuti principali

BORGHESIA 2.0

In merito ai “Si Tav” che hanno manifestato a Torino, Beppe Grillo effettua una Ode alla Borghesia, in chiaro tono polemico sul suo blog, considerando i manifestanti “borghesucci benpensanti che nella Tav vedono l'ingresso dell'Italia nel mondo che conta”. Premesso che si può non essere d'accordo con l’argomento preso in considerazione dal leader pentastellato, una parola (benpensante) orbita intorno al concetto odierno di borghesia. Ammesso che sia un concetto ancora valido. Nel suo primo teatro-spettacolo intitolato appunto I Borghesi, Giorgio Gaber, lui stesso borghese, cantava la famosa ai tempi canzone omonima : i borghesi son tutti dei porci, piu' sono grassi piu' sono lerci. A quei tempi la famiglia era considerata una camera a gas, la borghesia la classe da distruggere e lo Stato un nemico da abbattere o cambiare radicalmente. Oggi non si sente piu' parlare di borghesia. la contestazione è finita. il riflusso ha operato a lungo. La lotta di classe è stata archiviata. Le masse sono diventate amorfe. il potere è in mano ai finanzieri ed ai burocrati. la media borghesia è diventata piccola borghesia e si trova a pari livello con le ex classi operaie di una volta. Ma se la borghesia come classe sociale è implosa, molto piu' grave è la presenza di una mentalita' borghese. Dove per mentalita' borghese si possono intendere tante cose ma una, é fondamentale : cambiare tutto per non cambiare nulla. Questioni interessanti. I borghesi erano tutti dei porci, ma la maggior parte dei sessantottini che si ribellava ai propri genitori alla fine assunse spesso gli stessi atteggiamenti paternalistici e magari anche autoritari nei confronti dei figli che avevano già assunto i loro genitori in precedenza. La borghesia era una classe nemica, ma gran parte dei quadri e dirigenti di aziende oggi sono di quella precisa generazione, e magari ai tempi contestavano pure. Quel che è vero è che la contestazione è finita e che spesso il borghese è incline al gattopardismo. Un giorno ebbi una discussione con mio padre proprio su questi temi, circa, e a me che accusavo, forse ingenuamente, la sua generazione di aver fatto i contestatori ma di aver poi assunto gli stessi atteggiamenti che contestavano e di ostacolare spesso le nuove leve, lui, tra le varie cose, mi rispose che loro almeno avevano fatto contestazione, noi no. Vero, la lotta di classe forse è stata archiviata, mentre la cosa più normale sarebbe invece bramare a un miglioramento della propria posizione sociale, o perlomeno è sempre stato così, almeno dal tempo dei tribuni della plebe. Ma se il potere è realmente in mano di pochi (e bisogna vedere cosa significa quel "pochi" e cosa hanno fatto per essere tra i pochi, ecc), non è necessariamente per oscure trame dei pochi autogeneratisi, bensì anche dell'amorfismo dei molti. La borghesia del '700 combattè per i propri diritti, negli anni '40 la generazione dei miei nonni fece lo stesso, in contesti differenti. Oggi noi occidentali abbiamo praticamente tutto, eppure (o forse proprio per questo, perchè lo diamo per scontato) non facciamo nulla per tenerlo, non partecipiamo attivamente alla politica "tanto sono tutti uguali" Sì, probabilmente la lotta sociale al momento è morta. Ma è scomparsa la borghesia oppure è scomparso il proletariato? Da un punto di vista squisitamente professionale, le professioni borghesi sono ancora tutte lì: certo si lavora con strumenti diversi rispetto al passato, però il giornalista sempre giornalista è, così come il dentista, il negoziante, l'idraulico. Sono invece gli operai che stanno scomparendo, a causa della deindustrializzazione da una parte e del progresso tecnologico nella produzione dall'altra. Da un punto di vista demografico, su altre discussioni si sta dibattendo della difficoltà dei giovani di oggi a trovare un lavoro sicuro e mettere al mondo dei figli. Dunque quelli che potrebbero essere i proletari: - non sono operai (categoria in estinzione) - non sono completamente lavoratori "sotto un padrone" (si lavora in modo discontinuo, magari come autonomi e pseudo-imprenditori) - non hanno neppure prole perché magari ci rinunciano. Ma allora non è sparita la borghesia, è sparito il proletariato. A conferma indiretta di ciò, le idee politiche che caratterizzavano il proletariato (social-comunismo) sono finite ai margini, appannaggio di pochi nostalgici: oggi essere di sinistra significa condurre battaglie per cause quali a un Berlinguer non sarebbe importato nulla (es. matrimoni gay) ed essere totalmente acritici rispetto alle condizioni inique del mondo economico attuale, su tutti il fatto che oggi esistano lavoratori di serie A e lavoratori di serie B. A volte si può pensare che i veri nemici dei capitalisti non siano gli operai, come ha sostenuto Marx, bensì quelli della classe media. In fondo agli operai è sempre interessato il fatto di lavorare, fino almeno all'arrivo dei sindacati. Poi si realizza che anche quelli della classe media hanno il brutto vizio di voler pensare, come fanno i capitalisti (o come fanno fare ad altri, prezzolati). I medici, gli architetti, i piccoli imprenditori, ecc hanno dovuto studiare nella vita, prima di poter esercitare la professione, e questo ha sicuramente spinto alcuni di loro a comprarsi qualche altro libro, oltre a quelli strettamente indispensabili per il loro futuro lavoro. E qualche buon libro inculca certamente qualche nuova (e buona) domanda. E con le domande sorge la brutta esigenza della annosa ricerca delle risposte. È vero anche che il ceto medio vanta (o pecca di) connivenza con la classe dirigente: un po' per lavoro, un po' per quotidiana necessità, difficilmente sono i padroni a chiamare la ditta per rifare i bagni.. Sono semmai gli incaricati dei padroni a chiamarli, a prendere accordi, seguire lo stato dei lavori. Ecco il male maggiore. Gestire i soldi altrui. Managerismo crudele. Alla base della crisi economica globale. Infatti il ceto medio ha pensato di dirigere, di negoziare, volendo di litigarci, ma, in verità, le due classi hanno potuto proliferare insieme in relativa tranquillità. Come abbiamo visto, allora, in Italia la borghesia esiste ancora eccome. Va soltanto concepita in modo diverso rispetto al passato, perché così hanno imposto il contesto sociale ed economico che si sta vivendo e l’evoluzione del mercato del lavoro, che ha distanziato ancora di più chi sta bene e chi fa quello che può. E che ha creato nuove figure di borghesi a discapito di chi una volta aspirava ad esserlo. Non è forse una borghese chi ha creato un impero da diversi milioni di euro come blogger di moda partendo dalla pubblicazione di qualche sua idea su un sito specializzato? Non lo è chi ha creato un sito di informazione su Internet e oggi si può permettere dei lussi che un normale giornalista nemmeno si sogna? Oppure chi, senza un titolo di studio, ha cominciato a giocare a pallone e oggi guadagna 30 milioni di euro l’anno? O chi, senza nemmeno diplomarsi, si è messo a cantare (per modo di dire) e oggi vive in una casa da 400 metri quadri? E che dire di chi, senza una laurea in tasca, viene chiamato puntualmente come ospite televisivo in versione di «opinionista-tuttologo» (che si parli di finanza o della crescita anomala delle verze durante l’invernonele regioni del Sud del mondo non importa, basta esserci) creandosi un personaggio dal nulla e guadagnando qualche migliaio di euro a comparsata? Non sono borghesi pure questi, più di un avvocato, di un commercialista o di un geometra, cioè di quelli che, secondo la vecchia definizione, dovrebbero essere i veri borghesi, dotati di titolo di studio ed in possesso di mezzi di produzione? In conclusione: la borghesia in Italia esiste ancora. Diversa da quella di una volta, ma esiste eccome. Come non si estingueranno mai quelli che andranno in giro «col vestito sempre ben stirato /segretaria, autista e partita di golf/ e l’ufficio molto ben arredato». Così, per seguire le istruzioni dell’argentino Cortez e tentare di dimostrare che ancora si può essere un piccolo borghese

Commenti

Post popolari in questo blog

E' ARRIVATO IL NUOVO MESSIAH

  “La luce ha vinto e tutti i progressi del male del Mondo mai potranno cambiare il corso delle cose. Il solstizio d’inverno, il sole di natale, la luce invitta, aprono una speranza per gli uomini affranti da paura, timori e futuro incerto”. Sono parole di riflessione di Joseph Ratzinger espresse agli inizi degli anni sessanta, all’epoca poco più che trentenne. Per molti sono parole profetiche, in realtà si possono ritenere “da copione” per il finale di un film sulla pandemia attuale. Ammesso che si possa intravedere un finale alla situazione. Arriva il nuovo Messia, nei giorni in cui ricorre la nascita dell’ultimo messia mostratosi sulla terra, ma questa volta appare a noi, non più come uomo, ma in forma liquida. Esattamente come la società attuale, intesa da Zygmunt Bauman. Il progetto è lo stesso, duemila anni fa si diffondeva la parola di Cristo. Oggi si diffonde il vaccino della Pfizer, santificato dai media come soluzione salvifica, potrebbe però rivelarsi soluzione fisiologi

L’ATTUALITA’ DI GIORDANO BRUNO. L’INFINITO CREATIVO E DIALETTICO COME ALTERNATIVA AL PENSIERO UNICO

Nella sua concezione filosofica il pensatore nolano traccia le linee di un superamento della ideologia tradizionale occidentale, espandendo il centro spirituale sino agli estremi della infinita molteplicità del tutto. Nei Dialoghi Italiani Giordano Bruno rovescia e ribalta la tradizione medievale neoplatonico-aristotelica, introducendo il concetto dell’infinito creativo e dialettico. In questa maniera egli propone una concezione etico-politica e religiosa rivoluzionaria, che scardina l’architrave della tradizione ideologica occidentale: la concezione dell’Uno, necessario e d’ordine, assolutamente chiuso e riduttivo. Perché di rivoluzione si tratta. La modernità si aprirà dopo Bruno cercando infatti di negare la possibilità indicata dal pensatore nolano, attuando una doppia linea di sviluppo: una nuova tradizione metafisica dell’oggettività ed una nuova tradizione metafisica della soggettività. Cercheranno infatti di sovrapporsi allo spazio immaginativo e razionale offerto dal presupp

LA REPUBBLICA DI UNO STATO SCONFITTO

Il 2 giugno 1946, nacque una repubblica di uno Stato, che non aveva convinzione. Quella convinzione è giunta sino ad oggi, manifestandosi nel malaffare, nella giustizia politicizzata. Oggi si fa presto a dire Repubblica. E si fa presto anche a dire democrazia e poi libertà, popolo e Costituzione., Tutti questi termini appaiono scontati alle nuove generazioni. Abitudini quotidiane il cui vero significato è, di fatto, sconosciuto. A essi ci si è fatta l’abitudine. Così come si fa l’abitudine al lavoro della Magistratura di una Repubblica di uno Stato debole come il nostro. Duecentosettantaquattro anni, è la somma di tutte le pene commisurate ai responsabili del disastro ambientale creato a Taranto, con l’Ilva. Imprenditori, dirigenti ed amministratori locali, tutti coinvolti. Così, ci si divide, come sempre, sulla colpevolezza o la presunta innocenza dei condannati. Ma se analizziamo le misure singole, la più alta condanna è di ventidue anni. Tre in meno della pena contrattata da Giov