Passa ai contenuti principali

MANIFESTO CORSARO

La testa e il cuore che ci uniscono sono proprio qui di seguito. La rivoluzione corsara parte dalla cultura, dall’arte, dalla bellezza per restituire all’Italia la propria vocazione ad essere riconosciuta e definita in tutto il mondo come il Belpaese ma, allo stesso tempo, è necessario compiere un coraggioso salto di qualità e di sistema, tale da condurre la nostra vita politica a un vero e proprio cambio di paradigma per gli Stati Uniti d’Europa. La lingua italiana è l’identità stessa del nostro Paese e si raffigura nella visione di un Veliero diretto verso la libertà, l’umanità, l’universalità. Senza la riscoperta della lingua italiana non potremo compiere tale rivoluzione politica. Perché la rivoluzione armonica comincia proprio dalle parole, dal senso e dal significato che diamo alle parole, dai concetti che esse esprimono, dal senso originario e originale che sapremo dare per ricostruire il linguaggio politico, a partire dalla Lingua italiana. Perché l’Italia è definita “una nazione di carta”, cioè nata e formatasi nella letteratura, nella poesia, attraverso la lingua italiana. E’ l’italiano che custodisce la nostra storia e rappresenta l’unità nazionale Nel mare delle incertezze, che la navigazione porta con sé, i Corsari si propongono di favorire ogni cittadino nel proprio percorso di realizzazione permettendo a tutti l’accesso a una maggiore coscienza e conoscenza di sé e del mondo, così che ciascuno possa trovare ed esprimere al meglio il proprio talento affrontando, in modo più autonomo e consapevole, la complessità della nostra epoca. E’ la premessa per il diritto umano alla conoscenza. I Corsari vedono nell’arte della politica il principale strumento per superare, insieme agli altri, le paure dei nostri tempi e permettere a ciascuno di acquisire - seppur nelle incertezze della vita - maggiore sicurezza e fiducia in sé e negli altri attraverso la libertà e la responsabilità, i diritti e i doveri, la solidarietà. Si cambia il paradigma politico se riusciamo a compiere, con l’ausilio del pensiero e del metodo liberale, tutti quanti i passaggi necessari affinché questo senso di sicurezza e di reciprocità venga col tempo assicurato da uno Stato e da un’Europa, responsabilizzati rispetto ai loro compiti, affinché operino per offrire alle persone tutti gli strumenti utili per sconfiggere le proprie paure: disoccupazione, mancanza di prospettive per il futuro, inquinamento, terremoti, dissesto idrogeologico, migrazioni disperate, terrorismo, guerre, malattie. La libertà è innanzitutto il percorso che abbiamo deciso di compiere a bordo del Veliero corsaro, è assunzione di responsabilità, è scelta consapevole, è conoscenza, è ricerca delle verità, è riconoscimento dei meriti altrui, è agire senza danno per gli altri, è comprensione e rispetto della libertà altrui, è l’ampio spazio del nostro libero agire limitato dal confine determinato dalla libertà dell’altro, è il presupposto che si basa davvero sul fatto che siamo tutti uguali di fronte alla Legge e davanti al Mistero. Insomma, la vera libertà è la libertà dell’altro, prima ancora della nostra. Ecco il punto: l’altro, gli altri, l’alterità. Questo è il cuore della rivoluzione politica che proponiamo. La scuola, l’università la ricerca, la formazione sono i punti strategici individuati dai Corsari per avviare la rivoluzione armonica e permettere il salto di qualità verso un nuovo paradigma politico, sferico, spaziale, tridimensionale e diverso, altro, costruttivo e non distruttivo, PER e non contro. La scuola vista come terreno fertile attraverso cui, in prospettiva, sconfiggere le ingiustizie sociali, riconoscere le diverse qualità di ciascun allievo, comprendere l’altro e l’unicità di ogni studente, premiare i meritevoli, aiutare a compiere il cammino formativo anche a chi è in difficoltà, ri-orientare chi ha bisogno di essere meglio seguito e indirizzato. Le basi che si pongono a scuola servono anche ad abbattere i privilegi e le disuguaglianze, ricomporre il tessuto civile e civico, restituire fiducia nel prossimo, accrescere la coscienza democratica, formare le varie e diverse intelligenze all’autonomia di pensiero e alla libertà, cioè al rispetto degli altri e delle regole, alla responsabilità e alla solidarietà, al dubbio e alla curiosità. La scuola dovrebbe scovare e far emergere i talenti di ciascun ragazzo, restituire autorevolezza ai docenti, favorire la creatività dei singoli e le relazioni umane, rivoluzionare il metodo di apprendimento, ricucire l’unità tra il mondo scientifico e il mondo umanistico come espressioni della stessa universalità che interagisce e si completa all’interno di una dinamica virtuosa, capace di armonizzare tra loro l’inserimento, l’integrazione e l’inclusione.

Commenti

Post popolari in questo blog

OGGI È ATTACCO AL VINO, IERI ALLA PROPRIETÀ. E DOMANI...

  I salutisti dell’Unione europea tornano alla carica con un’altra battaglia: quella contro il vino. A fare da apripista è stata l’Irlanda, che potrà dunque applicare sugli alcolici un’etichetta con scritto “il consumo di alcol provoca malattie del fegato” oppure “alcol e tumori mortali sono direttamente collegati”. O più direttamente "il vino provoca il cancro". Secondo i dati di Alcohol Action Ireland, il consumo di alcol puro pro capite tra chi ha più di 15 anni è stato di 10,07 litri nel 2020, che corrisponde a poco meno di 40 bottiglie di vodka, 113 bottiglie di vino o 436 pinte di birra e supera del 40% il livello di consumo indicato dalle linee guida dell’agenzia governativa Health Service Executive (HSE). Quindi l'Irlanda, attraverso il silenzio assenso della Commissione Europea, con questo provvedimento, crede sul serio di combattere l'abuso di alcol? Perché i dati sopra elencati chiariscono e permettono di affermare che siamo in presenza di un eccesso di uti

CONTRO IL DIRIGISMO TRANSUMANISTA

 L’Unione Europea, a partire dalla crisi economica globale del 2008 ha sempre fatto il possibile per farsi detestare, in Italia e in moltissime altre nazioni del continente. Occorre dire che la gestione di diverse rispettive classi dirigenti nazionali, fra incolmabili debiti pubblici e una crescita economica pari a zero, ha permesso all’Ue di manifestarsi più come una matrigna che mal sopporta i propri figliastri che come una mamma, magari severa quando serve, ma giusta nei confronti di tutti i suoi figli. Non a caso, sono poi cresciuti partiti e movimenti euroscettici in più Paesi europei, la Brexit è divenuta realtà e tutt’oggi alcuni governi nazionali, come quello ungherese e quello polacco, sono spesso in contrasto con le Istituzioni comunitarie. Del resto, Bruxelles, si direbbe, andrebbe ringraziata, con tanto di servile inchino, per i soldi del Pnrr. Intanto, è bene ricordare come il denaro del Recovery Fund non rappresenta affatto un regalo compassionevole, essendo composto, in

LA CONTROPRODUCENTE GIORNATA MONDIALE CONTRO LA VIOLENZA SULLE DONNE

  E' sempre con profonda amarezza che osservo la celebrazione di giornate come questa, accanto a tutto il carico di ipocrisia politicamente corretta che ci viene propagandata mediaticamente, tra chi si tinge il viso di rosso, cariche istituzionali che si prestano a questo giochino, dichiarazioni banali e scontate e via dolcificando l'opinione pubblica. Nel momento in cui una donna accetta di celebrare una giornata mondiale dedicata alla violenza sulle donne, crea la stessa categorizzazione di cui poi sarà vittima perchè è evidente che se si condanna la violenza soltanto verso un genere, si sta implicitamente affermando che l'altro genere non merita tutele, ottenendo come unico risultato di scatenare un focolaio di maschilismo reattivo antifemminista. Ed è attraverso la strumentalizzazione di tragedie che vedono vittima una donna e di cui è colpevole un uomo non in quanto maschio ma in quanto persona prepotente - e la prepotenza non è una caratteristica di genere ma di speci